Crea sito

Pane fatto in casa con lievito madre

Il pane fatto in casa con il lievito madre è una vera delizia, uno dei preparati più semplici che esistano in natura ma che al tempo stesso danno più soddisfazione ed appagamento in assoluto.

Il procedimento è un po’ articolato ma non difficile, richiede soprattutto tempo e voglia di mettere le mani in pasta. Chiaramente, se l’avete a disposizione, nulla vi vieta di impastare utilizzando la planetaria.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 1 kg. di farina):

  • 1 kg. di farina tipo “2”
  • 100 gr. di lievito madre
  • 600 ml di acqua
  • 15 gr. di sale

Mescolate in una ciotola la farina con il lievito madre e  l’acqua. Ottenuto un primo agglomerato, trasferite il tutto su un piano di lavoro ed iniziate ad impastare con decisione per alcuni minuti facendo prendere bene aria all’impasto fino ad ottenere un composto compatto.

A questo punto incorporate, un po’ alla volta il sale facendolo assorbire al composto sempre grazie ad una energica ed attenta lavorazione manuale.

Ottenuta una bella sfera di pasta, trasferitela nuovamente in una terrina capiente che andrete a ricoprire nella maniera più ermetica possibile con della pellicola trasparente. Avvolgete poi il tutto in un canovaccio. Trasferite il contenitore in luogo protetto da correnti d’aria in modo che la pasta possa lievitare adeguatamente, noi abbiamo usato il forno spento che si è rivelato perfetto per l’occasione.

Dopo 10 ore, la pasta sarà lievitata raddoppiando di volume.

Trasferite nuovamente l’impasto su un piano di lavoro (l’ideale rimane sempre l’asse in legno) e porzionate in modo da ottenere delle pagnotte quanto più possibile della stessa dimensione che andrete successivamente a distribuire sulla leccarda del forno.

Coprite il tutto nuovamente con un canovaccio e lasciate nuovamente riposare, in forno spento, per un altro paio d’ore.

Trascorso il tempo, sarete pronti per passare alla cottura.

Scaldate il forno a 200 gradi (modalità ventilata) con una ciotola di acqua all’interno in modo che la prima parte della cottura del pane sia umida affinché non si crei la crosta troppo in fretta e le pagnotte rischino di non “crescere” bene.

Quando il forno sarà in temperatura, infornate l’impasto per 15 minuti (lasciando la ciotola con l’acqua dentro). Trascorso il tempo, estraete (stando attenti a non ustionarvi) il contenitore con l’acqua e procedete con ulteriori 20/25 minuti.  A questo punto, per controllare se il pane è cotto, rivoltate una pagnotta e valutate se ha fatto la crosta ed ha preso un bel colorito dorato anche sulla base. Se così è, potete sfornare, altrimenti prolungate la cottura per qualche minuto in più.

Dopo aver estratto il pane dal forno, disponetelo, capovolto, su una griglia in modo che l’umidità ancora presente evapori più facilmente mantenendo la crosta croccante.

Una volta raffreddato, il vostro pane è pronto per essere consumato oppure riposto in freezer per essere conservato più a lungo.

Fragranza casalinga.

Avvertenza: con un kg. di farina otterrete circa 1,5 kg. di pane.

Pane fatto in casa con lievito madre
Pane fatto in casa con lievito madre
Pane fatto in casa con lievito madre