Crea sito

Archive for the ‘Vini e liquori’ Category

Val Polcevera – D.O.C.

Zona di produzione e storia

La denominazione d’origine controllata “Val Polcèvera” è riservata ai seguenti vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione:
“Val Polcèvera” bianco, anche nelle tipologie spumante di qualità, frizzante e passito;
“Val Polcèvera” rosso, anche nelle tipologie novello e frizzante;
“Val Polcèvera” rosato, anche nella tipologia frizzante;
“Val Polcèvera” Bianchetta Genovese anche nella tipologia frizzante;
“Val Polcèvera” Vermentino anche nella tipologia frizzante.
La denominazione di origine controllata “Val Polcèvera” puo’ essere accompagnata dalla indicazione della sottozona “Coronata”, a condizione che i vini bianchi così designati provengano da uve della zona di produzione delimitata dal disciplinare.

La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione d’origine controllata “Val Polcevera” ricade nella provincia di Genova individuata dal bacino del torrente Polcevera e dei suoi affluenti Sardorella, Secca, Ricco’ e Verde.
La zona comprende in toto o in parte il territorio dei comuni di Genova, Sant’Olcese, Serra Ricco’, Mignanego, Campomorone, Ceranesi e Mele.
La zona di produzione del vino a denominazione di origine controllata “Val Polcevera”, designato con la sottozona Coronata, comprende la parte del comune di Genova, delimitata a est dal confine della zona, a sud dal mare a ovest dal torrente Varenna e a nord dal confine amministrativo.

La viticoltura nella ValPolcevera costituisce testimonianza storica antica di un territorio da sempre coltivato in intimo contatto con la vicina città di Genova che fin dal medioevo ne costituiva il principale mercato di sbocco (il “vinodiGenova”). L’apprezzamento dei vini di questa zona (Coronata) trova numerose testimonianze come quella di Stendhal suo celeberrimo resoconto di viaggio intitolato Viaggio in Italia.
Una base ampelografica contenuta ma dalle caratteristiche di peculiarità, come la Bianchetta Genovese, la Lumassina, il vermentino ecc…, costituiscono elementi di valore che hanno consentito l’affermarsi dei vini prodotti in questa particolare area geografica.

L’introduzione della innovazione tecnologica in campo ed in cantina non hanno comunque mutato una tradizione consolidata nella forma di coltivazione a filare contenuto nella vigoria, e nella conservazione dei vini ancora diffusa i contenitori in legno.

Vitigni – Grado alcolometrico minimo – Invecchiamento e qualifiche

Base ampelografica
I vini a denominazione d’origine controllata “Val Polcèvera” devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
vini bianchi:
Vermentino, Bianchetta Genovese e Albarola, da soli o congiuntamente per almeno il 60%;
possono concorrere alla produzione di detti vini altri vitigni a bacca bianca non aromatici, da soli o congiuntamente, riconosciuti idonei alla coltivazione nella Regione Liguria fino ad un massimo del 40%, iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato, riportati nel disciplinare.
vini rossi e rosati:
Dolcetto, Sangiovese e Ciliegiolo da soli o congiuntamente per almeno il 60%;
possono concorrere alla produzione di detti vini altri vitigni a bacca nera non aromatici riconosciuti idonei alla coltivazione nella Regione Liguria fino ad un massimo del 40% iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato, riportati nel disciplinare.
I vini a denominazione di origine controllata “Val Polcèvera” con l’indicazione di uno dei seguenti vitigni:
-Bianchetta Genovese
-Vermentino
devono essere ottenuti da uve provenienti dai corrispondenti vitigni per almeno l’85%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini, fino a un massimo del 15%, le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, riconosciuti idonei alla coltivazione nella Regione Liguria.

I vini a denominazione d’origine controllata “Val Polcèvera” devono rispondere, all’atto dell’immissione al consumo, alle seguenti caratteristiche:

“Val Polcevera” bianco:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,00g/l.

“Val Polcevera” bianco frizzante:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.

“Val Polcevera”rosso:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.

“Val Polcevera”rosso frizzante:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.

“Val Polcevera”rosso novello:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.

“Val Polcevera”rosato:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.

“Val Polcevera”rosato frizzante:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.

“Val Polcevera”Bianchetta genovese:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.

“Val Polcevera”Bianchetta genovese frizzante:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.

“Val Polcevera”Vermentino:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.

“Val Polcevera”Vermentino frizzante:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.

“Val Polcevera”passito:
titolo alcometrico volumico totale minimo: 16,00% vol i cui almeno 14,00% vol svolti;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19,0 g/l.

“Val Polcevera”spumante di qualità:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidita’ totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.

“Val Polcevera” Coronata:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00%;
acidita’ totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.

E’ in facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali modificare i limiti dell’acidita’ totale e dell’estratto non riduttore con proprio decreto.

Caratteristiche organolettiche

I vini a denominazione d’origine controllata “Val Polcèvera” devono rispondere, all’atto dell’immissione al consumo, alle seguenti caratteristiche:

“Val Polcevera” bianco:
colore: giallo paglierino piu’ o meno intenso;
profumo: caratteristico, delicato, persistente;
sapore: secco, sapido.

“Val Polcevera” bianco frizzante:
spuma : giallo ed evanescente;
colore:giallo paglierino piu’ o meno intenso;
profumo: delicato, persistente;
sapore: secco, sapido.

“Val Polcevera”rosso:
colore: rosso rubino piu’ o meno intenso;
profumo: gradevole;
sapore: secco.

“Val Polcevera”rosso frizzante:
spuma :fine ed evanescente;
colore: rosso rubino piu’ o meno intenso;
profumo: gradevole;
sapore: asciutto, secco, di medio corpo.

“Val Polcevera”rosso novello:
colore: rosso rubino piu’ o meno intenso;
profumo: gradevole, caratteristico;
sapore: secco.

“Val Polcevera”rosato:
colore: rosato più o meno intenso;
profumo: delicato;
sapore: secco, fresco, armonico.

“Val Polcevera”rosato frizzante:
spuma : fine ed evanescente
colore: rosato più o meno intenso ;
profumo: delicato;
sapore: secco, fresco, armonico.

“Val Polcevera”Bianchetta genovese:
colore: giallo paglierino piu’ o meno intenso;
profumo: fine, delicato, discretamente persistente;
sapore: secco, sapido, pieno.

“Val Polcevera”Bianchetta genovese frizzante:
spuma :fine ed evanescente
colore: giallo paglierino piu’ o meno carico;
profumo: fine, delicato;
sapore: secco, sapido, pieno.

“Val Polcevera”Vermentino:
colore: giallo paglierino, con eventuali riflessi verdolini;
profumo: delicato,fruttato;
sapore: secco, sapido, armonico.

“Val Polcevera”Vermentino frizzante:
spuma : fine ed evanescente
colore: giallo paglierino, con eventuali riflessi verdolini;
profumo: delicato,fruttato;
sapore: secco, sapido, armonico.

“Val Polcevera”passito:
colore: giallo piu’ o meno intenso
odore: ampio, intenso, persistente;
sapore: dolce, caldo, sapido, pieno, persistente.

“Val Polcevera”spumante di qualità:
spuma: fine, persistente;
colore: giallo paglierino;
profumo: fine, delicato, persistente;
sapore: secco ,fresco , leggero ma persistente.

“Val Polcevera” Coronata:
colore:giallo paglierino;
profumo: delicato, discretamente intenso e persistente;
sapore: secco, sapido, caratteristico.

Per tutte le suddette tipologie di vino, in relazione all’eventuale conservazione in recipienti di legno si può rilevare lieve percezione di legno.

Abbinamenti e temperatura di servizio

Variano a seconda della tipologia di vino.

Fonte: Agraria.org

Val Polcevera D.O.C. – per la foto si ringrazia

Search
Categories