Crea sito

Archive for the ‘**Dolci e Dessert**’ Category

Crostata senza burro ai frutti di bosco

La crostata ai frutti di bosco senza burro è un dolce da forno fragrante e goloso, perfetto per una colazione sostanziosa, un fine pranzo delizioso o una merenda tonificante.

La particolarità di questa torta sta nell’impasto della frolla, solitamente ricco di burro, che viene surrogato dall’olio extravergine d’oliva. Vi potrà sembrare un paradosso, magari avrete dei dubbi sul fatto che il risultato finale sia soddisfacente. Ebbene, provate la nostra ricetta e vedrete che rimarrete piacevolmente sorpresi ed entusiasti della vostra crostata.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (per una tortiera del diametro di 24 cm):

  • 450 gr. di farina di tipo “2”
  • 3 uova intere + 1 tuorlo
  • 150 gr. di zucchero a velo
  • 150 gr. di fecola di patate
  • 120 gr. di olio extravergine d’oliva
  • 20 gr. di acqua
  • 5 gr. di lievito in polvere per dolci
  • 500 gr. di confettura ai frutti di bosco

La ricetta inizia con la preparazione della frolla.

In una ciotola rompete le tre uova cui aggiungerete il tuorlo. Sbattete il tutto con una frusta da cucina, aggiungete l’acqua e poi l’olio extravergine a filo sempre continuando a mescolare con energia.

Unite dunque man mano lo zucchero quindi setacciate la farina, poi la fecola ed infine il lievito, a questo punto lasciate da parte la frusta ed iniziate a mescolare gli ingredienti con una spatola o, meglio ancora, a mano. Ottenuto un impasto piuttosto granuloso, versatelo su un piano di lavoro dove proseguirete ad impastare gli ingredienti a mano con energia.

Lavorate il tutto fino ad ottenere un composto liscio e compatto cui donerete una forma sferica. Avvolgete poi la frolla con una pellicola trasparente da cucina e mettetela a riposare in frigo per un paio d’ore.

Trascorso il tempo, recuperate la pasta, tagliatene un terzo circa che lascerete ancora da parte avvolto nella pellicola mentre vi metterete di buona lena a stendere la parte più corposa.

Aiutandovi con un mattarello, tirate la frolla, spolverizzandola con un po’ di farina, fino ad ottenere una sfoglia spessa all’incirca 5 mm dalla forma pressoché rotonda che adopererete per foderare una teglia  da 24 cm. precedentemente unta con un po’ di olio extravergine d’oliva.

Fate in modo che la pasta aderisca perfettamente alla tortiera pigiandola leggermente, bucherellatene poi il fondo con i rebbi di una forchetta

Riponete ora, momentaneamente, la teglia in frigo a riposare mentre andrete a stendere il terzo di pasta ancora avvolto nella pellicola fino ad ottenere un disco di pasta spesso all’incirca 4/5 mm.

A questo punto create le strisce di pasta che serviranno per guarnire la superficie della torta.

Riprendete la tortiera dal frigo e farcitela in maniera omogenea con la confettura di frutti di bosco che livellerete in superficie con la lama di un coltello oppure o con una spatola.

Apponete quindi le strisce di frolla appena create in modo da ottenere dei rombi il più possibile regolari.

Ora non vi resta che infornare la torta in modalità statica, preriscaldata a 180° gradi per circa 35 minuti. Usate, per iniziare, il penultimo piano del forno. Trascorso il tempo, facendo attenzione a non ustionarvi, alzate la teglia all’ultimo piano e completate la cottura per ulteriori 5 minuti.

A cottura ultimata, spegnete il forno, aprite lo sportello e lasciate raffreddare la crostata.

Ora la vostra torta sarà pronta per essere affettata e servita in tavola ai vostri ospiti.

Leggera e golosa delizia.

Crostata senza burro ai frutti di bosco

Ciambella allo yogurt aromatizzata al limone

La ciambella allo yogurt aromatizzata al limone è un dolce da forno semplice e soffice, perfetto per una colazione leggera, una merenda sana o un fine pasto gustoso.

Gli ingredienti sono frugali, genuini, economici e facilmente reperibli. La preparazione è rapida ed elementare, non richiede nessuna particolare abilità ai fornelli, basta solo un po’ di tempo e voglia di cucinare.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

  • 250 gr. di farina tipo “2” (va bene anche la “0” o la “00”)
  • 50 gr. di fecola di patate
  • 250 gr. di yogurt bianco intero
  • 2 limoni bio
  • 3 uova
  • 250 gr. di zucchero semolato
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 2 cucchiai di granella di zucchero
  • 130 ml di olio di semi di girasole
  • 1 pizzico di sale

Sbattete, con una frusta da cucina, in una ciotola, le tre uova, lo zucchero ed il pizzico di sale fino ad ottenere un composto omogeneo e spumoso.

Continuate poi l’impasto incorporando l’olio a filo, poi lo yogurt, la scorza di limone ed infine il succo dei limoni filtrato con un colino. Il tutto senza mai smettere di miscelare.

A questo punto sarà il momento di aggiungere la farina e la fecola setacciate. Con la frusta assemblatele agli altri ingredienti con movimenti lenti dal basso verso l’alto. Continuate a mescolare fino ad ottenere un composto morbido e soffice.

Procuratevi ora uno stampo da ciambella (22 cm) che andrete ad imburrare in maniera accurata dove poi verserete l’impasto appena preparato. Spolverizzate in superficie con della granella di zucchero.

Infornate il tutto, in modalità preriscaldata, a 180° per circa 40 minuti. Per accertare una cottura a puntino, usate la classica e sempre valida tecnica dello stuzzicadente. Se puntato nella torta, una volta estratto uscirà asciutto, il dolce sarà pronto, viceversa, dovrete ancora proseguire la cottura.

Una volta pronta la ciambella, lasciatela raffreddare in forno quindi estraetela dalla stampo per poi adagiarla su un piatto da portata e presentarla in tavola ai vostri ospiti.

Semplice golosità.

Ciambella allo yogurt aromatizzata al limone

Ciambella allo yogurt aromatizzata al limone

Ciambella allo yogurt aromatizzata al limone

Ciambella allo yogurt aromatizzata al limone

Colomba pasquale

La colomba pasquale. Per la prima volta ci siamo cimentati in questo tradizione e tipico dolce della pasticceria italiana. Il risultato è stato davvero eccezionale, addirittura ben oltre le più rosee aspettative.

La preparazione non è certo semplice e rapida, ci vuole pazienza e tempo a disposizione ma quando sfornerete il vostro dolce ed i complimenti che riceverete dai vostri ospiti, vi ripagheranno i sacrifici compiuti.

Non vi resta che prendere nota e mettervi.

Ingredienti (per una colomba da 1 kg.)

PRIMO IMPASTO

  • 40 gr farina manitoba (w350)
  • 40 gr latte
  • 20 gr lievito di birra fresco (oppure 7 grammi di lievito secco)

SECONDO IMPASTO

  • il primo impasto +
  • 100 gr farina manitoba (w350)
  • 130 gr acqua tiepida

TERZO IMPASTO

  • Il secondo impasto +
  • 100 gr farina manitoba (w350)
  • 20 gr burro ammorbidito
  • 20 gr zucchero

QUARTO IMPASTO

  • 210 gr farina manitoba (w350)
  • 120 gr uova (circa 2 intere)
  • 80 gr burro
  • 150 gr arancio candito a cubetti
  • 120 gr zucchero semolato
  • 5 gr sale
  • 5 gocce di aroma di vaniglia (io ho usato i semi di una bacca)
  • 5 gocce di aroma di arancio (io ho usato la scorza di un’arancia non trattata)

GLASSA

  • 15 gr mandorle dolci non spellate
  • 8 gr armelline (io ho usato delle nocciole tostate)
  • 75 gr zucchero Semolato
  • 30 gr albume (l’albume di un uovo)

FARCITURA

  • Mandorle non spellate q.b.
  • Granella di zucchero
  • Zucchero a velo

Primo impasto:

Prendete il latte e fatelo intiepidire (importante che non sia caldo altrimenti il lievito perderà le sue proprietà e diventerà inerte), quindi scioglietevi il lievito mescolandolo pian piano. Incorporate quindi la farina di manitoba ed iniziate a lavorare il composto a mano fin quando non raggiungerà una giusta consistenza. Lasciate quindi riposare e lievitare, al caldo (noi abbiamo messo l’impasto in una terrina coperta con la pellicola nel forno spento ma con la luce accesa).

Secondo impasto:

Mescolate il primo impasto con 130 gr. di acqua tiepida poi aggiungete 100 gr. di farina di manitoba. Lavorate il composto per qualche minuto. A questo punto rimettete l’impasto nella ciotola, coprite nuovamente con la pellicola e lasciate lievitare al caldo (come prima) per ulteriori 40 minuti. Trascorso il tempo, l’impasto sarà piuttosto spumoso e molle.

Terzo impasto:

Trasferite ora l’impasto in una planetaria con il gancio (se ce l’avete, altrimenti, come abbiamo fatto noi, procedete con santa pazienza e muscoli delle braccia, impastando con l’aiuto di un cucchiaio di legno), aggiungete la farina un poco alla volta ed una volta che si sarà tutta assorbita, iniziate ad incorporare il burro ammorbidito.

Impostate fin quando l’impasto non si raccoglierà attorno al gancio della planetaria oppure al vostro cucchiaio di legno.

Sistemate nuovamente il composto all’interno di una ciotola coperta da pellicola.

Lasciate lievitare, per un’ora, nel forno spento con luce accesa.

Quarto impasto:

Finalmente siamo giunti all’ultimo impasto, non spaventatevi se, all’inizio esso risulterà eccessivamente liquido, andando avanti, tornerà ad essere della giusta consistenza.

Riprendete il terzo impasto lievitato, aggiungete i 120 gr. di zucchero e, successivamente, a poco a poco, setacciando, i 200 gr. di farina. Quando tutta la farina si sarà assorbita, aggiungete un uovo alla volta quindi il sale e gli aromi.

A questo punto, un cucchiaio alla volta, incorporate il burro facendo ben attenzione ad aggiungerlo solo quando il precedente sarà stato totalmente assorbito.

Continuate ad impastare fin quando non otterrete un composto molto liscio ed elastico.

A questo punto unite i canditi che amalgamerete in maniera uniforme all’impasto.

Lasciate lievitare il tutto nel forno spento per circa un’ora e mezza o comunque fin quando vedrete che il composto non è raddoppiato di volume rispetto alle dimensioni originali.

Trascorso il tempo, dovrete andare a comporre la colomba vera e propria.

Versate l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato quindi dividetelo in due parti, una più grande (che diventerà il corpo della colomba) ed uno più piccolo che poi dividerete ancora a metà (che andrà a comporre le ali).

Allargate l’impasto con le dita (come doveste creare una focaccia) quindi rivoltate l’impasto su se stesso creando una specie di mini baguette. Fate la medesima cosa sia per il composto più voluminoso che per i due più piccoli.

Trasferite ora nello stampo di carta per colomba, prima l’impasto più grande (corpo) quindi, gli altri due (ali) lateralmente.

Mettete ora la colomba in una teglia da forno, copritela con una pellicola e lasciatela lievitare, in forno spento con la luce accesa per un’ora.

Nell’attesa, dedicatevi alla preparazione della glassa.

Nella tazza di un mixer da cucina tritate le mandorle e le nocciole unitamente allo zucchero.

Ottenuto in composto granuloso, lavoratelo per circa un minuto dopo avergli aggiunto l’albume. A questo punto la vostra glassa sarà pronta.

Trascorso il tempo di lievitazione della colomba, estraetela dal forno mentre accenderete quest’ultimo a 170° (in modalità statica).

Eliminate la pellicola trasparente e stendete la glassa aiutandovi con una spatola. Procedete poi con la guarnitura sistemando le mandorle (non pelate), la granella di zucchero ed, infine, spolverizzando con dello zucchero a velo.

Infornate il dolce (unitamente ad una teglia con dell’acqua bollente, che contribuirà a gestire la giusta umidità nel forno) per circa 45 minuti. Di tanto in tanto, usate l’accortezza di socchiudere il forno in modo che i vapori creati fuoriescano senza shock termico.

Vedrete la colomba crescere man mano fino a raggiungere le dimensioni classiche e voluminose.

Prima di estrarre la colomba potete fare la classica prova dello stuzzicadente per verificarne il giusto grado di cottura.

Sfornate e lasciate raffreddare.

La vostra colomba sarà quindi pronta per essere consumata.

P.s. Usando il lievito di birra non è necessario capovolgere la colomba per far fuoriuscire l’umidità all’interno.

 

 

Colomba pasquale

Colomba pasquale

Colomba pasquale

Colomba pasquale

Colomba pasquale

Colomba pasquale

 

 

 

Torta di mele, uvetta e pinoli

La torta di mele, uvetta e pinoli è un delizioso dolce da forno morbido, gustoso ed invitante.

Molto semplice e veloce da preparare, si rivela una torta estremamente versatile, adatta per qualsiasi occasione e che metterà d’accordo i gusti di grandi e piccini.

Perfetta per una colazione energizzante, per un fine pasto saziante, ottima per una merenda tonificante.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti:

  • 2 uova intere
  • 170 gr. di zucchero
  • 200 gr. di farina tipo “2”
  • 200 gr. di ricotta
  • 200 gr. di uva sultanina
  • 30 gr. di pinoli
  • 3 mele renette
  • Mezzo bicchiere di olio d’oliva
  • Una bustina di lievito per dolci
  • La scorza di un limone o di un’arancia

In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero quindi unite, setacciandola, la farina, poi la ricotta ed infine l’olio d’oliva.

Mescolate il tutto con pazienza fino ad ottenere un composto omogeneo.

Pelate le mele quindi tagliatele in fettine sottili che poi andrete ad incorporare all’impasto unitamente all’uva sultanina.

Miscelate bene gli ingredienti aiutandovi con un cucchiaio di legno oppure una spatola.

Setacciate infine il lievito. Amalgamate il tutto fino ad ottenere un miscuglio denso e corposo.

Versate il tutto in una teglia rotonda da forno precedentemente imburrata ed infarinata. Livellate bene e ricopritene la superficie con i pinoli ed un velo di zucchero.

Infornate in modalità statica preriscaldata a 180° per circa 50 minuti.

Trascorso il tempo, sfornate e lasciate raffreddare.

A questo punto la vostra torta di mele, uvetta e pinoli sarà pronta per essere porzionata e servita ai vostri ospiti.

Dolce golosità.

Torta di mele, uvetta e pinoli

Panna cotta al limone con salsa ai lamponi

La panna cotta al limone con salsa al lampone è un dessert al cucchiaio goloso e delicato, dove la freschezza del limone si sposa alla perfezione con il sapore intenso ed avvolgente della salsa  al lampone.

Un dolce ideale per chiudere un pranzo veloce, una cena di lavoro oppure uno spuntino in famiglia.

Pazzesco come merenda tonificante ed energizzante.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 6 persone):

  • 550 gr. di panna fresca per dolci
  • 200 gr. zucchero
  • 3 fogli di colla di pesce
  • 1 stecca di vaniglia
  • 2 limoni da coltura biologica
  • 300 gr. di lamponi

Lavate con cura i limoni e sciacquate i lamponi.

Mettete in ammollo i fogli di colla di pesce.

Procuratevi un pentolino dove unirete alla panna fresca la stecca di vaniglia (aperta in due), la scorza di un limone e 100 gr. di zucchero.

Cuocete a fiamma media, mescolando in continuazione, fino al limite dell’ebollizione (non deve bollire).

Colate poi il tutto (in modo da eliminare la vaniglia e le scorze di limone) quindi unite la gelatina perfettamente scolata dall’acqua di ammollo.

Fatela sciogliere per bene, mescolando il composto.

A questo punto dividete la crema in sei stampini monoporzione, lasciate raffreddare ed infine mettete in frigorifero a riposare per almeno 4 ore.

Nel frattempo preparate la crema di lamponi, mettete 200 gr. di frutta nella tazza di un mixer da cucina (i restanti 100 gr. li utilizzeremo per la guarnizione) unitamente allo zucchero rimasto (100 gr.).

Frullate il tutto fino ad ottenere una salsa rossa piuttosto liquida che filtrerete con un colino a maglie strette per eliminarne le impurità.

Pronti gli ingredienti, sformate la panna cotta in un piatto da dessert, guarnitela con un paio di cucchiai di salsa al lampone e terminate la decorazione con qualche frutto intero che avevate tenuto da parte.

Il vostro dessert sarà quindi pronto per essere servito in tavola ai vostri ospiti.

Dolcezza golosa.

Panna cotta al limone con salsa ai lamponi

Frittelle alla crema pasticcera e di nocciole

Le frittelle alla crema pasticcera e di nocciole sono un dolce goloso ed accattivante perfetto per una merenda da leccarsi i baffi,  per un fine pasto saziante oppure per un dopocena conviviale tra amici.

Dolce particolarmente indicato nella stagione invernale, ancor più nel periodo carnevalesco, ha un procedimento piuttosto semplice nella preparazione e risulta adatto a tutti coloro che desiderano cimentarsi ai fornelli.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • 40 gr. di burro
  • 150 gr. di farina tipo “00”
  • 50 gr. di frumina
  • 50 gr. di zucchero
  • la scorza grattugiata di un limone
  • 5 uova
  • 240 ml. di acqua
  • Sale q.b.

Per la crema:

  • 500 ml. di latte intero
  • 4 tuorli d’uovo
  • 110 gr. di zucchero
  • 25 gr. di farina tipo “00”
  • 25 gr. di frumina
  • 1 bacca di vaniglia

 

  • Zucchero a velo (per guardinire)
  • Olio di semi di arachidi (per friggere)

Per prima cosa preparate la crema pasticcera.

In un tegamino, unite la bacca di vaniglia al latte intero quindi portate il tutto al limite dell’ebollizione. A questo punto scolate la stecca e filtrate il liquido attraverso un colino a maglie sottili.

In una ciotola a parte, unite lo zucchero ai quattro tuorli d’uovo ed alla farina setacciata con la frumina. Mescolate il tutto con una frusta.

Versate il composto in un pentolino, accendete il fuoco ed incorporate, colandolo a filo, il latte al profumo di vaniglia mescolando il composto in continuazione fino a quando non otterrete una crema liscia e piuttosto densa.

Ora potete dedicarvi alla preparazione dell’impasto per le frittelle.

In una pentola, fate bollire l’acqua quindi incorporate il burro, lo zucchero ed un pizzico di sale. Scostate la casseruola dal fuoco, per poi unire la farina setacciandola assieme alla frumina ed infine la scorza di limone grattugiata.

Mescolate il tutto con una spatola in silicone fino ad ottenere un composto omogeneo. Rimettete quindi la pentola sul fuoco, a fiamma bassa e continuate a miscelare gli ingredienti fino a quando l’impasto non inizierà a staccarsi dai bordi del tegame.

Trasferite in una ciotola il miscuglio ottenuto (o in una planetaria) cui andrete ad aggiungere le 5 uova sbattute incorporandole una alla volta. Mescolate per bene gli ingredienti fino ad ottenere una consistenza tale che permetta all’impasto di cadere dal cucchiaio se viene scosso.

A questo punto mettete a scaldare l’olio di semi di arachidi, quando sarà in temperatura iniziate a formare delle frittelle (il più possibile rotonde) tuffandole direttamente nell’olio. Friggetele per alcuni istanti fino a quando non si saranno gonfiate ed avranno raggiunto una perfetta doratura. Scolatele quindi aiutandovi con una schiumarola ed adagiatele su della carta assorbente da cucina.

Quando si saranno intiepidite, farcitele (usando una sac à poche) con la crema pasticcera cucinata precedentemente o con la crema di nocciole.

Concludete l’opera spolverizzando con dello zucchero a velo.

Frittelle alla crema pasticcera e di nocciole

Torta della nonna

La torta della nonna è uno dei dolci più conosciuti ed apprezzati della tradizione italiana. Sarà per il nome rassi curante, sarà perché la si impara ad apprezzare fin da piccoli ma questo dolce da forno rimane tra i più preparati e gustati della nostra pasticceria casalinga.

Pochi ingredienti, tutti genuini e facilmente reperibili, rendono questo dolce alla portata di tutti.

Gia solo scrivendo, ci viene l’acquolina in bocca pensando alla fragranza della frolla che si sposa perfettamente con la dolce cremosità della crema pasticcera.

Mamma mia , anzi, nonna mia che delizia.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (teglia rotonda da 26 cm):

Per la frolla:

  • 2 uova medie
  • 450 gr. di farina
  • 150 gr. di zucchero
  • 200 gr. di burro freddo di frigo
  • la scorza di un limone

Per la crema pasticcera:

  • 750 ml di latte intero
  • 3 uova intere
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 200 gr. di zucchero
  • 30 gr. di farina tipo “2” (volendo potete usare anche la tipo “00”
  • 35 gr. di maizena
  • la scorza di un limone

Per guarnire:

  • Pinoli e zucchero a velo

La ricetta inizia con la preparazione della frolla.

Nella tazza del frullatore, unite il burro freddo di frigo tagliato a tocchetti alla farina quindi frullate per alcuni istanti fin quando non otterrete un composto sabbioso che poi andrete a versare su una spianatoia creando la classica fontanella.

In superficie aprite un varco che andrete a colmare con lo zucchero e le uova. Aggiungete anche la scorza del limone.

Impastate il tutto, iniziando prima con i rebbi di una forchetta quindi a mano per il tempo necessario a compattare gli ingredienti.

Ottenuta una frolla piuttosto soda, avvolgetela nella pellicola trasparente ed adagiatela in frigorifero a riposare per circa 45 minuti.

Nel frattempo dedicatevi alla preparazione della crema pasticcera.

In un pentolino sufficientemente capiente, unite il latte intero alla scorza di limone (state attenti ad evitare la parte bianca, amara, dell’agrume) quindi scaldate il liquido (che non dovrà mai bollire) a fiamma bassa mescolando di tanto in tanto.

In una ciotola aggiungete lo zucchero alle tre uova più il tuorlo. Mescolate il tutto quindi incorporate prima la farina setacciata quindi la maizena fino ad ottenere un miscuglio uniforme.

A questo punto togliete la scorza di limone dal latte ed iniziate ad unirvi rapidamente il mix di uova, zucchero e farina non smettendo mai di mescolare (con una frusta da cucina) onde evitare che vengano a crearsi grumi. Il tutto sempre a fiamma bassa, non raggiungendo mai la temperatura di bollitura.

Continuate a cuocere fin quando la crema non si sarà raddensata, necessiteranno una 15ina di minuti.

Trascorso il tempo, trasferite il composto in una pirofila bassa e larga che coprirete subito con un foglio aderente di pellicola trasparente.

Lasciate raffreddare la crema pasticcera a temperatura ambiente.

Prendete ora la frolla, stendetela sul piano di lavoro e tirate la pasta fino ad ottenerne un foglio dello spessore di 3 o 4 millimetri con metà del quale andrete a foderate una pirofila da forno (26 cm) precedentemente imburrata.

Pressate la pasta sui bordi poi bucherellatela in superficie con i rebbi di una forchetta quindi farcitela con la crema pasticcera che livellerete al meglio.

Ricoprite il tutto con la frolla rimanente e bucherellate nuovamente la pasta quindi distribuite i pinoli.

Infornate in modalità statica preriscaldata a 160° per circa 50 minuti ne ripiano più basso del forno, trascorso il tempo, alzate la torta nel ripiano di mezzo e la temperatura a 180° per ulteriori 10 minuti.

Se durante la cottura, la superficie della crostata si dovesse scurire con eccessivo anticipo, potete coprire il tutto con un foglio alluminio.

Trascorso il tempo, sfornate, lasciate raffreddare a temperatura ambiente quindi spolverizzate con un po’ di zucchero a velo.

La vostra torta della nonna è pronta per essere servita ai vostri ospiti.

Classica delizia.

Torta della nonna

Torta della nonna

Torta della nonna

Cannolo siciliano

Il cannolo siciliano è il dolce tipico e rappresentativo di una regione intera, un vero simbolo della Sicilia in Italia e nel mondo, una specie di marchio di fabbrica.

Con ingredienti semplici e genuini, legati tutti alla tradizione contadina, si ottiene un dolce sostanzioso, elegante, raffinato e corposo come sono quasi tutti i dessert del meridione d’Italia.

Certo, non adatto a coloro che sono a dieta però bisogna ammettere che ogni tanto è concesso, anzi, è d’obbligo uno strappo alla regola ed il cannolo siciliano è il dolce ideale per commettere un peccato di gola.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

Per la cialda:

  • 200 gr. di farina 00
  • 25 gr. di zucchero
  • 25 gr. di strutto
  • 30 ml. di vino Marsala secco
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • la scorza di mezza arancia biologica
  • 1 pizzico di cannella in polvere
  • Olio di semi di girasole q.b.

Per la farcitura

  • 450 gr. di ricotta di pecora
  • 150 gr. di zucchero a velo
  • Scorze di arancia candite q.b.
  • Amarene candite (o sciroppate) q.b.

In un contenitore capiente setacciate la farina quindi unite lo zucchero, il pizzico di sale, la cannella in polvere e lo strutto che precedentemente avrete lasciato ammorbidire fuori dal frigo.

Incorporate ora la scorza di mezza arancia che avrete precedentemente provveduto a lavare ed asciugare con molta cura.

Mescolate ora il tutto facendo in modo che gli ingredienti si fondano alla perfezione creando un miscuglio omogeneo.

Aggiungete poi l’uovo ed il vino Marsala secco, proseguite quindi con l’impasto, prima sempre nella ciotola quindi, quando inizia ad essere consistente, direttamente sul piano di lavoro.

Continuate fin quando non avrete ottenuto un impasto sodo e compatto che poi andrete ad avvolgere con la pellicola trasparente e lascerete riposare in frigorifero per almeno un paio di ore (se avete più tempo a disposizione, meglio ancora).

Trascorso il tempo, riprendete il la pasta, lavoratela nuovamente un po’ con le mani quindi stendetela sul piano di lavoro tirandola fino renderla non più spessa di 3 mm.

Procuratevi ora un coppa pasta con cui andrete a sezionare la sfoglia in cerchi del diametro di circa 10 cm. Una volta ottenuti, tirateli su due estremità opposte in modo da ricavarne degli ovali.

Prendete ora degli stampi per cannoli che andrete ad avvolgere con i dischi ovalizzati di pasta che poi andrete a chiudere spennellando con il tuorlo del secondo uovo che avrete precedentemente sbattura vigorosamente con i rebbi di una forchetta.

Ripetete l’operazione con le restanti cialde.

A questo punto friggetele in abbondante olio di semi di girasole (portato in temperatura), avendo cura di immergerle con la “chiusura” verso il basso in modo da ridurne il rischio che si apertura.

Durante la friggitura girate i cannoli (con molta attenzione) più volte in modo da ottenere una cottura uniforme.

Scolateli quindi su un foglio di carta assorbente e lasciateli raffreddare.

Quando avranno raggiunto la temperatura ambiente, sfilateli, con delicatezza, dallo stampo.

Preparate ora la farcitura. Neecessiterete di un altro contenitore dove inizierete a lavorare la ricotta in modo da renderla liscia e cremosa, incorporate quindi lo zucchero a velo e spatolate il tutto (consigliamo di usare una frusta elettrica per ottenere un risultato migliore in tempi più rapidi) fino ad ottenere un composto omogeneo.

Farcite ora i cannoli aiutandovi con una sac-à-poche e decorando una o entrambe le estremità con le scorzette e/o le ciliegie candite. Spolverizzate in superficie con un po’ di zucchero a velo.

I vostri cannoli ora sono pronti per essere impattati e serviti in tavola ai vostri ospiti.

Golosa dolcezza.

Importante: se potete, farcite i cannoli in prossimità del servizio in tavola onde evitare che l’umidità intrinseca della farcia alla ricotta ammorbidisca eccessivamente la cialda esterna scalfendone la caratteristica croccantezza.

Cannolo siciliano

Panna cotta caramellata al Cointreau

La panna cotta caramellata al Cointreau è un dolce al cucchiaio cremoso e delicato, l’aromatizzazione ottenuta con il pregiato liquore francese gli dona inoltre un piacevole retrogusto di arancia che completa il dessert in maniera perfetta.

Ottimo come fine pasto, ideale per una merenda tonificante.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 50 cl di panna liquida da cucina
  • 10 cl. di latte intero
  • 1 bustina di vanillina
  • 80 gr. di zucchero a velo
  • 6 gr. colla di pesce in fogli
  • 80 gr. di zucchero semolato
  • 3 cucchiai di Cointreau

Per prima cosa mettete in ammollo i 6 gr. di gelatina in fogli.

In un tegame capiente, a fiamma medio/bassa unite la panna da cucina con il latte intero, aggiungete quindi lo zucchero a velo e la busta di vanillina. Mescolate il tutto continuamente con una frusta da cucina, per circa 10 minuti senza che il liquido mai raggiunga l’ebollizione.

Strizzate ora per bene la colla di pesce ed unitela al composto in preparazione continuando a mescolare fin quando non si sarà perfettamente disciolta.

Versate ora il liquido nei pirottini in alluminio che prima avrete leggermente inumidito con dell’acqua.

Lasciate raffreddare il tutto ed infine trasferite in frigorifero per circa 3 ore.

Nel contempo, in un pentolino, versate lo zucchero semolato e diluitelo con 30 ml di acqua. Accendete il fuoco, sciogliete il tutto, aggiungendo i 4 cucchiai di Cointreau e caramellate per circa 6 minuti, senza mescolare. Otterrete il classico liquido di color bruno intenso.

Giunto il momento di servire le vostre panne cotte, estraetele dal frigo, versatele in un piatto  decorandole con il caramello aromatizzato al Cointreau.

Noi avevamo a disposizione del goloso gelato ai frutti di bosco, ne abbiamo approfitta. Si è generato un perfetto connubio di sapori che vi consigliamo.

Aromatica dolcezza.

Panna cotta caramellata al Cointreau

 

 

Semifreddo pesche e amaretti

Il semifreddo pesche e amaretti è un dolce al cucchiaio goloso e stuzzicante, particolarmente indicato nella stagione estiva dove le pesche sono facilmente reperibili sul mercato. Connubio perfetto di sapori tra la dolce freschezza della pesca e la croccantezza degli amarett.

La sua versatilità lo rende un dolce perfetto per ogni occasione, dai banchetti ufficiali ai pranzi più informali, una carta sicura da giocarsi con la certezza di portare sempre a casa un successo.

Altra caratteristica non secondaria è l’estrema facilità di preparazione, una ricetta davvero adatta a tutte le manualità, anche quelle meno avvezze. Serve solo un po’ di tempo a disposizione

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 6/8 persone):

  • 1 kg. di pesche gialle
  • 220 gr. di amaretto
  • 80 gr. di zucchero
  • 30 cl. di panna per dolci
  • 1 limone

Per prima cosa lavate con cura le pesche poi asciugatele, tagliatele a fette sottili e scottatele leggermente in acqua bollente aiutandovi con una schiumarola.

Procuratevi poi una padella dove andrete a versare lo zucchero unitamente al succo ed alla scorza di un limone. Accendete il fuoco, aggiungete le pesche scottate e provvedete a caramellarle per una quindicina di minuti.

A questo punto scolate le pesche nella tazza di un mixer (tenete da parte un po’ di sugo di cottura e qualche fetta di pesca per la decorazione), lasciatele intiepidire quindi unite gli amaretti (sbriciolati grossolanamente a mano). Frullate il tutto per poi lasciar riposare il composto ottenuto per una decina di minuti.

In un contenitore a parte montate la panna utilizzando una frusta elettrica.

Incorporate poi la panna al miscuglio di pesche e amaretti. Mescolate il tutto con una spatola fin quando gli ingredienti non si saranno perfettamente amalgamati.

Prendete ora gli stampini da forno (vanno bene anche quelli in alluminio) e riempiteli con il composto appena ottenuto (volendo potete fare un unico semifreddo, in uno stampo da plumcake che poi taglierete a fette al momento di servirlo in tavola)

Trasferite ora il tutto in freezer per circa 12 ore.

Trascorso il tempo il vostro semifreddo sarà pronto per essere servito.

Rivoltate la formina nel piatto da dolce, guarnite in superficie con della granella di amaretto e con il sugo che avevate messo da parte dopo la cottura delle pesche, affiancate inoltre a decorazione qualche fetta di pesca caramellata.  Noi abbiamo aggiunto anche del gelato alla mandorla che si combina alla perfezione con il semifreddo.

Semplice dolcezza.

Semifreddo pesche e amaretti

 

Search
Categories