Crea sito

Archive for the ‘***Contorni***’ Category

Frittata di spinaci e cipolle di Tropea

La frittata di spinaci e cipolle è un classico della cucina italiana, un salvacena per eccellenza, un piatto valido per tutte le occasioni ed in ogni circostanza. Estate, inverno, autunno o primavera che sia, la frittata è sempre gradita, è sempre di moda.

Pochi ingredienti sani, equilibrati ed un procedimento di preparazione elementare rendono questo piatto adatto a tutti, non esiste persona al mondo che non sia in grado di preparare questo facile ma invitante piatto.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 250 gr. di spinaci (già puliti)
  • 4 uova
  • 1 cipolla di tropea
  • 50 gr. di formaggio grattugiato
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per prima cosa lavate e pulite con cura gli spinaci quindi sbollentateli per alcuni istanti in acqua calda. Scolateli, quindi, dopo averli lasciati intiepidire, strizzateli con cura onde espellerne l’acqua in eccesso.

Procuratevi una padella capiente dove verserete un filo di olio extravergine d’oliva, accendete il fuoco dunque unite la cipolla di Tropea precedentemente tritata non troppo finemente.

Soffriggete per un paio di minuti per poi aggiungere gli spinaci che in precedenza avrete tagliato grossolanamente.

Lasciate insaporire il tutto per qualche minuto a fuoco medio mentre nel frattempo, in una ciotola, aggiungerete alle uova il formaggio grattugiato, un pizzico di sale ed una macinata di pepe.

Sbattete il tutto fin quando gli ingredienti non si saranno ben amalgamati.

Unite ora il miscuglio in padella agli spinaci, mescolate rapidamente e cuocete la vostra frittata per circa tre minuti per parte a fuoco medio (controllate, prima di rivoltarla, che i bordi siano ben rappresi).

Rivoltate la frittata aiutandovi con un coperchio oppure con un piatto piano.

Trascorso il tempo, spegnete il fuoco ed impiattate.

A questo punto la vostra frittata è pronta per essere servita in tavola ai vostri ospiti.

Semplice genuinità.

Frittata di spinaci e cipolle di Tropea

Frittata di spinaci e cipolle di Tropea

Frittata di spinaci e cipolle di Tropea

 

Lattuga belga (witloof) alla cuneese

La lattuga belga (witloof) alla cuneese è un contorno dal sapore intenso ed avvolgente, perfetto per una cena rustica  tra amici o un pranzo in famiglia.

Gli ingredienti, che richiamano un po’ quella della bagna cauda, rendono questo piatto davvero saporito ed accattivante con cui riuscirete a soddisfare anche gli appetiti più complicati.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 600 gr. di lattuga belga (witloof)
  • 2 spicchi d’aglio
  • 6 acciughe
  • 1 bicchiere di latte intero
  • 100 ml. di panna da cucina
  • 50 gr. di formaggio grattugiato
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per prima cosa pulite e lavate con cura la lattuga, dissalate le acciughe (oppure scolatele se usate quelle sott’olio) e pelate l’aglio.

Procuratevi una padella dai bordi bassi dove andrete a versare un filo d’olio extravergine d’oliva. Accendete il fuoco quindi aggiungete gli spicchi d’aglio che farete rosolare fin quando non imbruniranno.  Aggiungete ora la witloof che potete cuocere separandone foglia per foglia oppure tagliando in cespo in 4/6 parti.

Soffriggete il tutto per tre/quattro minuti, ovvero il tempo sufficiente alla verdura di iniziare ad ammorbidirsi. A questo punto aggiungete il bicchiere di latte intero, la panna ed infine le acciughe.

Continuate la cottura per 20 minuti circa o comunque fin quando la lattuga sarà del tutto appassita ed il sugo di cottura giustamente ristretto.

Prima di spegnere il fuoco incorporate il formaggio grattugiato, lasciatelo sciogliere quindi cessate la cottura. Aggiustate di sale (se necessario) e di pepe.

Non vi resta che impiattare e servire in tavola ai vostri ospiti.

Rustica certezza.

Lattuga belga (witloof) alla cuneese

Lattuga belga (witloof) alla cuneese

Insalata di carciofi con lime ed aceto balsamico

L’insalata di carciofi con lime e aceto balsamico è un contorno molto leggero ma saporito, ideale per un pasto detox necessario per recuperare da qualche eccessiva mangiata.

Noi abbiamo abbinato ai carciofi la croccantezza del sedano crudo e la morbidezza del pomodoro, a condimento un pizzico di sale, il lime ed il gusto delicato dell’aceto balsamico.

Ricetta dal procedimento di preparazione elementare.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 6 carciofi
  • 1 finocchio
  • 2 pomodoro
  • 1 lime
  • Aceto balsamico q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.

Per prima cosa pulite i carciofi, sul procedimento da seguire, cliccate qui.

Procedete ora alla loro cottura a vapore (saranno necessari circa 25 minuti, anche se le tempistiche cambiano non poco a seconda delle dimensioni).

Trascorso il tempo, lasciate intiepidire i carciofi quindi tagliateli a spicchi oppure, se preferite, riduceteli in foglie.

Pulite e lavate i pomodori quindi riduceteli a tocchetti. Pulite e lavate il finocchio quindi tagliatelo a pezzetti.

Procuratevi una ciotola dove unirete tutti gli ingredienti. Salate, condite con dell’ olio extravergine d’oliva, un po’ di succo e di scorza di lime. Aromatizzate con una nota di aceto balsamico.

Mescolate il tutto con cura fin quando gli ingredienti non si saranno perfettamente amalgamati.

Impiattate e servite in tavola ai vostri ospiti.

Leggera bontà.

Insalata di carciofi con lime ed aceto balsamico

Insalata di carciofi con lime ed aceto balsamico

Frittata di cipolle all’aceto balsamico

La frittata di cipolle all’aceto balsamico è un piatto unico molto semplice e saporito, un classico “salvacena” o “salva pranzo” elementare nella preparazione ma saziante e stuzzicante.

Il tono di balsamico che ne arricchisce il gusto ed impreziosisce il profumo.

Perfetta per tutte le stagioni, in inverno ottima se mangiata calda, in estate è ottima anche se gustata fredda, magari il giorno successivo alla preparazione.

Ideale anche per un pic-nic in compagnia o per farcire un panino utile a rifocillarvi durante qualche escursione.

Noi abbiamo usato le cipolle bionde ma vanno benissimo anche quelle bianche oppure quelle di Tropea.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti :

  • 300 gr. di cipolle bianche
  • 4 uova medie
  • 3 o 4 foglie di basilico
  • 40 gr. di formaggio grattugiato
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 1 bicchiere di brodo vegetale
  • Olio extravergine d’oliva
  • Pepe q.b.
  • Sale q.b.

Per prima cosa pulite e pelate le cipolle quindi tagliatele a spicchi piuttosto sottili.

In una ciotola rompete le uova che andrete a sbattere unitamente al formaggio grattugiato, ad un pizzico di sale ed una macinata di pepe.

Procuratevi ora una padella dai bordi bassi sufficientemente capiente per contenere poi l’intera frittata, versatevi un abbondante filo di olio extravergine d’oliva.

Unite quindi le cipolle che farete soffriggere, a fiamma media, per circa 4 minuti, momento in cui inizieranno a diventare trasparenti (almeno nella parte esterna dello spicchio), mescolate di tanto in tanto.

Aggiungete ora il bicchiere di brodo vegetale e le foglie di basilico spezzettate. Coprite con un coperchio e portate a cottura per ulteriori  dieci minuti a fiamma bassa. A questo punto le cipolle si saranno adeguatamente appassite e dorate, il sugo di cottura perfettamente asciugato.

Unite ora l’aceto balsamico e mescolate senza smettere finchè non si sarà addensato.

Incorporate poi il miscuglio di uova e formaggio facendo il modo che si distribuisca in maniera uniforme nella padella.

Abbassate la fiamma al minimo, ricoprite con un coperchio e cuocete per 8/9 minuti o comunque fin quando il fondo della frittata non diventerà bruno e dorato (controllate con una paletta). Ora non vi resta che rivoltare e ripetere il medesimo procedimento anche per lato opposto.

Trascorso il tempo la vostra frittata sarà pronta per essere consumata.

Rustica bontà!

Frittata di cipolle all’aceto balsamico

Frittata di cipolle all’aceto balsamico

Frittata di cipolle all’aceto balsamico

Topinambur alla piemontese

I topinambur alla piemontese sono una ricetta ricca, golosa, sfiziosa ed intrigante. Il piatto è di origine contadina, di conseguenza gli ingredienti sono pochi, poveri ma che assemblati l’uno agli altri danno origine ad una pietanza appagante e dal sapore deciso e rustico.

Facile da preparare, questo piatto è particolarmente indicato nella stagione fredda, magari accompagnato da un vino rosso fruttato e corposo.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera:

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 4 topinambur medi
  • 3 denti d’aglio
  • 200 gr. di panna da cucina
  • 1 bicchiere colmo di latte intero
  • 10 filetti di acciuga
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per prima cosa pulite e lavate con cura i topinambur, quindi affettateli come fareste con una patata (molti non eliminano la buccia esterna, molti invece si, voi fate come meglio preferite).

Versate quanto ottenuto in una padella sufficientemente capiente, quindi bagnate con il latte ed accendente il fuoco a fiamma bassa.

Dopo cinque minuti incorporate la panna, mescolate con cura fin quando non si sarà assorbita. Aggiungete l’aglio che avrete precedentemente privato della pelle esterna.

Cuocete per una decina di minuti, sempre a fuoco lento, quindi unite le acciughe che farete sciogliere lentamente.

Stufate per ulteriori quindici minuti o comunque fin quando i topinambur saranno cotti a puntino rimanendo comunque ancora un po’ croccanti. Se necessario aggiustate di sale e, se gradite, di pepe.

Non vi resta che impiattare e servire in tavola, fumante, ai vostri ospiti.

Rustica golosità.

Topinambur alla piemontese

Topinambur alla piemontese

Carote con peperoni e porri

Le carote con peperoni e porri sono un contorno saporito e colorato, perfetto per la stagione invernale, da gustare con una bella fetta di pane casereccio, oppure con della profumata polenta abbrustolita.

Ideale anche per accompagnare secondi di carne come brasati, arrosti e selvaggina.

Vi consigliamo di aggiungere nella ricetta anche una bella cipolla di Tropea, come abbiamo fatto noi, così avrete un vero e proprio arcobaleno nel piatto che, oltre a soddisfare la vista, vi porterà un pieno di salute ed energia.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 4 medio/grandi
  • 2 peperoni gialli
  • 1 porro
  • 1 cipolla di Tropea
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Brodo vegetale q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per prima cosa pulite e lavate con cura i peperoni ed il porro. Raschiate con attenzione le carote e pelate la cipolla.

Tagliate quindi i peperoni in pezzi non troppo piccoli, le cipolle a tocchetti, le carote ed i porri a rondelle.

Procuratevi poi una padella, versatevi un filo d’olio extravergine d’oliva. Accendete il fuoco a fiamma bassa, unite prima le cipolle ed i porri che rosolerete fin quando non inizieranno ad appassire quindi aggiungete i peperoni a pezzi.

Mescolate con cura e lasciate insaporire per almeno cinque minuti.

A questo punto incorporate le carote a rondelle.

Mescolate nuovamente, aggiungete un paio di cucchiai di brodo vegetale e stufate per una ventina di minuti o comunque il tempo necessario per una cottura perfetta delle verdure che dovranno risultare morbide ma senza disfarsi (se necessario, versate qualche cucchiaio di brodo nel processo di cottura onde evitare che le carote rischino di attaccarsi al fondo della pentola).

Assaggiate, salate e pepate secondo i vostri gusti.

Lasciate riposare qualche minuto, impiattate e servite in tavola ai vostri ospiti.

Carote, peperoni e porri

Carote, peperoni e porri

Cavoletti di Bruxelles con cipolla e pomodori datterini

I cavoletti di Bruxelles con cipolla e pomodori datterini sono una ricetta dal tipico richiamo invernale dove ben si coniugano la freschezza dei pomodori datterini con la croccantezza della cipolla ed sapore particolare e tipico del cavoletto.

Una soluzione perfetta per un contorno leggero, gustoso ed economico.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 600 gr. di cavoletti di Bruxelles già puliti
  • 1 cipolla grande bianca o bionda
  • 12/14 pomodori datterini o cherry
  • 1 dado vegetale fatto in casa (su come prepararlo, clicca qui)
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Iniziate pulendo con cura i cavoletti di Bruxelles (eliminate le foglie più esterne che spesso risultano macchiate ed il torsolo cartilagineo alla base). Lavate ed asciugate con cura.

Pulite e pelate la cipolla. Sciacquate i pomodori.

Procuratevi un pentolino dai bordi alti dove andrete a versare un filo di olio extravergine d’oliva. Fatelo scaldare quindi aggiungete la cipolla che avrete in precedenza tagliato ad anelli non troppo sottili.

Soffriggete per un paio di minuti a fiamma media quindi unite i pomodori datterini che avrete smezzato ed i cavoletti di Bruxelles interi (volendo li potete sbollentare in precedenza, noi abbiamo deciso di metterli a crudo in modo che cuociano con il condimento ed acquisiscano più sapore).

Lasciate insaporire per 4/5 minuti sempre a fuoco medio per poi aggiungere un paio di bicchieri d’acqua tiepida ed il dado vegetale fatto in casa.

Mescolate gli ingredienti per bene, moderate un poco la fiamma e stufate fin quando i cavoletti non saranno cotti ma ancora croccanti, saranno necessari, all’incirca, una ventina di minuti. Se la verdura si dovesse eccessivamente asciugare, aggiungete qualche ulteriore cucchiaio di acqua tiepida.

Spegnete il fuoco, se necessario, aggiustate di sale, impiattate e servite in tavola ai vostri ospiti.

Cavoletti di Bruxelles con cipolle e pomodori datterini.

Carciofi aglio e acciughe (in pentola a pressione)

I carciofi aglio ed acciughe sono una ricetta semplicissima ma davvero stuzzicante e gustosa.

In un batter d’occhio, con pochi ingredienti, riuscirete a preparare un contorno che soddisferà anche i palati più esigenti.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 350 gr d carciofi (già puliti)
  • 30 gr. di acciughe sott’olio
  • 1 spicchio d’aglio
  • 12 gr di pane (noi abbiamo usato quello integrale ma va benissimo anche quello bianco)
  • 10 cl di vino bianco
  • 10 cl di brodo vegetale
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Una volta puliti i carciofi, tagliateli a spicchi e conservateli momentaneamente in acqua e limone onde evitare che anneriscano.

Prendete ora la pentola a pressione, versatevi un filo d’olio extravergine d’oliva quindi aggiungete l’aglio che in precedenza avrete pulito e tagliato a rondelle.

Rosolate il tutto per un paio di minuti a fiamma media quindi aggiungete le acciughe e poi i carciofi scolati dell’acqua dove li avevate immersi.

Bagnate con il vino bianco, unite poi il brodo vegetale ed il pane grattugiato. Salate e pepate quindi mescolate con cura.

A questo punto chiudete la pentola a pressione e cuocete per 10 minuti dal momento del sibilo.

Trascorso il tempo effettuate l’operazione  di apertura della pentola in sicurezza quindi estraete i carciofi per poi procedere a far raddensare la salsa a fiamma media.

Impiattate i carciofi, conditeli con il sugo di cottura quindi servite in tavola ai vostri commensali.

Carciofi aglio e acciughe (in pentola a pressione)

 

Insalata di finocchi, melagrana, noci e Parmigiano

L’insalata di finocchi, melagrana, noci e Parmigiano è un antipasto leggero e molto saporito. La croccantezza del finocchio e delle noci, ben si abbinano alla dolce acidità della melagrana ed alla sapidità del formaggio grana.

Ottimo per tutte le occasioni, ben si adatta sia a pranzi conviviali tra amici che a cene più formali.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 1 finocchio di medie dimensioni
  • 1 melagrana
  • 100 gr. di gherigli di noci
  • 100 gr. di Parmigiano Reggiano (o simile) in scaglie
  • 30 gr. di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b. (facoltativo)

Per prima cosa pulite e lavate con cura il finocchio. Asciugatelo quindi affettatelo piuttosto sottilmente aiutandovi con una mandolina

Riponete la verdura in una ciotola.

Sgranate la melagrana quindi unitela nella ciotola.

Tagliate i 100 gr di Parmigiano in tocchetti o piccole scaglie che incorporerete agli altri ingredienti.

Aggiungete i 100 gr. di gherigli di noci.

Condite ora il tutto con un poco di olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale e (facoltativa) una macinata di pepe.

Mescolate con cura, a questo punto incorporate i 30 gr. di formaggio che avrete grattugiato in precedenza.

Rimestate ulteriormente fino a quando gli ingredienti si saranno perfettamente amalgamati.

Ora non vi resta che impiattare e servire in tavola ai vostri ospiti.

Gradevole leggerezza.

Insalata di finocchi, melagrana, noci e Parmigiano

 

 

Cipolline borretane in padella

Un contorno semplice, dal sapore delicato. Semplice e rapido da preparare. Colorato e saporito, il piatto che vi proponiamo oggi è davvero ideale per tutte le occasioni, farà colpo sugli adulti e stuzzicherà anche i più piccini.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 600 gr. di cipolline borretane
  • 350 gr di polpa di pomodoro
  • 1/2 gamba di sedano
  • 1 carota
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Per prima cosa pulite con cura le cipolline quindi lavatele con delicatezza. Ponetele ad asciugare su un canovaccio da cucina.

In una padella dai bordi alti, versate un filo d’olio extravergine d’oliva, fatelo scaldare quindi unite il sedano e la carota (precedentemente tagliati a tocchetti non troppo grandi).

Soffriggete per un paio di minuti a fiamma media.

Trascorso il tempo, aggiungete le cipolline borretane, fatele insaporire per 5/6 minuti a fiamma media fin quando non inizieranno a dorarsi.

A questo punto aggiungete la passata di pomodoro, aggiustate di sale e stufate per 20/25 minuti ovvero fin quando le cipolle risulteranno cotte ma ancora croccanti e la salsa si sarà giustamente ristretta.

Ora il vostro contorno sarà pronto per essere impiattato e servito ancora fumante ai vostri ospiti.

Cipolline borretane in padella

Cipolline borretane in padella

Cipolline borretane in padella

Cipolline borretane in padella

Cipolline borretane in padella

 

 

 

 

Search
Categories