Crea sito

Burell’

Il Burrell’ è una scamorza di pasta filata ripiena di burro prodotta, nel periodo estivo, dall’affioramento del latte serale da razze vaccine allevate nelle aree del Parco Nazionale d’Abruzzo (dai 1000 ai 2000 m.s.l.m.) nel periodo estivo.

E’ un formaggio della tradizione dell’Appennino centro-meridionale, nel Lazio si ritrova soltanto nella parte meridionale della provincia di Frosinone, in particolare nel comprensorio della provincia della Valle di Comino e nel comune di Cassino. Una volta prodotto come merce di scambio ora è prodotto limitatamente per la richiesta locale e per i veri appassionati del prodotto.

Ha una forma sferica o un po’ allungata, in pezzature da 200 a 400 gr; colore bainco latte nel prodotto fresco e giallo se il prodotto è stagionato ; sapore sia dolce che salato a seconda del tipo di salatura.

La lavorazione parte da latte locale crudo appena munto che viene posto, aggiunto al caglio naturale, in un recipiente dove lo si lascia sempre nel siero caldo in modo che lieviti. Normalmente dopo un periodo di 3 giorni o più breve se la pasta fila prima, si passa alla lavorazione della pasta con acqua bollente. Appena la pasta è pronta si preparano le scamorze inserendo all’interno delle piccole noci di burro, anche il burro viene prodotto in casa scremando il latte fresco e battendo la schiuma energicamente con una frusta fino ad ottenere una crema.

Le scamorze così formate vengono poi “fermate” in acqua fredda. Successivamente viene preparata la salamoia facendo bollire acqua e sale in modo che le scamorze una volta immerse non affondino.

La Burrell può essere mangiata sia fresca che stagionata (appassita)

E’ un prodotto molto antico che può essere considerato una variante al classico formaggio ottenuto da latte vaccino a pasta fresca o stagionata.

Fonte: Atlante Caseario.org

Burell' - per la foto si ringrazia

Burell’ – per la foto si ringrazia

Comments are closed.

Search
Categories