Crea sito

Bagna cauda – ricetta moderna

Come vi avevamo promesso qualche tempo fa pubblicando la ricetta tradizionale, eccoci qui a proporvi una preparazione meno forte e più “magiabile” del piatto tradizionale più famoso e rinomato della nostro amato Piemonte.

Ne rimarrete affascinati, stuzzicati ed infine, molto soddisfatti.

Prendete appunti e mettetevi all’opera.

Ingredienti (dosi per 6 persone circa):

  • 400 gr. di acciughe sotto sale
  • 200 ml. di panna da cucina
  • 150 ml. di vino “Diavolisanti
  • 3 bicchieri di olio di oliva o extravergine d’oliva
  • 6 spicchi d’aglio

Verdure da intingere:

  • 3 patate lesse
  • 2 peperoni rossi
  • 2 peperoni gialli
  • 2 cardi lessi
  • 2 porri (meglio se di Cervere)
  • 2 topinambur lessi
  • varie ed eventuali secondo i vostri gradimenti di gusto.

 

Come prima cosa dissalate le acciughe, ovvero dopo aver scrollato il grosso del sale sotto abbondante getto di acqua fredda, mettetele in ammollo (per almeno 3 ore) in un contenitore pieno d’acqua che andrete a cambiare spesso.

Una volta trascorso il tempo, scolatele e, con molta delicatetezza, pulitele dalle interiora e dalle lische.

Sciacquate di nuovo sotto abbondante acqua fredda quindi asciugate i filetti usando della carta assorbente.

Sistemate ora le acciughe in un contenitore non eccessivamente grande dunque bagnatele con il vino “Diavolisanti” rosso.

Lasciate riposare per una decina di minuti poi scolate ed asciugate i filetti sempre con della carta assorbente da cucina.

Ora è tempo di preparate l’aglio che andrete a pelare per poi dividerne gli spicchi a metà privandoli della radice interna.

Prendete un tegame, versatevi dentro 2 bicchieri di olio, unitevi l’aglio ed iniziate la cottura (a fiamma molto bassa), mescolando con un cucchiaio di legno e facendo ben attenzione a non lasciarlo imbiondire. Unite quindi le acciughe continuando a mescolare con delicatezza.

Versate poi il restante olio e portate la salsa a cottura, sempre a fiamma molto bassa, per circa mezz’ora facendo ben attenzione al fatto che l’intingolo non frigga.

Come ultima cosa, incorporate la panna, mescolate bene per ulteriori 7/8 minuti sempre a fuoco molto basso.

Trascorso il tempo la vostra “bagna cauda” sarà pronta per essere servita, negli appositi “fujot” (vedi foto) e consumata in accompagnamento con le verdure che avrete approntato a parte.

Bagna cauda - per la foto si ringrazia

Bagna cauda – per la foto si ringrazia

 

 

Comments are closed.

Search
Categories