Crea sito

30 agosto

Oggi si venerano i Santi Felice ed Aduatto, martiri.

La storia dei santi Felice e Adautto sembra interessi più l’archeologia che la devozione. Dopo il loro martirio, avvenuto probabilmente durante la persecuzione di Diocleziano agli inizi del IV secolo, vennero sepolti in una cripta del cimitero di Commodilla, sulla via delle Sette Chiese, poco lontano dalla basilica di S. Paolo fuori le mura. La cripta venne trasformata da papa Siricio in basilica, successivamente ampliata e decorata di affreschi dai papi Giovanni I e Leone III. Divenne così meta di pellegrini e di devoti fino al medioevo inoltrato, quando catacombe e santuari sotterranei caddero in oblio o furono devastati. Il cimitero di Commodilla e la tomba di Felice e Adautto furono scoperti nel 1720, ma la soddisfazione del ritrovamento durò poco, perchè alcuni giorni dopo la volta della piccola basilica sotterranea crollò. Sui ruderi caddero nuovamente l’oblio e l’incuria fino al 1903, quando la basilica venne definitivamente restaurata. Si riscoprì uno dei più antichi affreschi paleocristiani, nel quale è raffigurato S. Pietro che riceve le chiavi alla presenza dei Ss. Stefano, Paolo, Felice e Adautto.
Secondo l’autore di una leggendaria Passio scritta nel secolo VII, quando il loro culto era in piena fioritura, Felice era un presbitero romano, condannato a morte durante la persecuzione di Diocleziano. Mentre veniva condotto al luogo dell’esecuzione, sulla via che porta a Ostia, dalla folla dei curiosi e dei compagni di fede si staccò uno sconosciuto, che andò incontro al condannato. Giunto a un passo dai soldati incaricati dell’esecuzione, proclamò a voce ferma di essere cristiano e di voler condividere la stessa sorte del presbitero Felice. Venne esaudito senza troppi indugi. Dopo aver spiccato la testa di Felice, con la stessa spada decapitarono l’audace, che aveva osato sfidare le leggi dell’imperatore. Ma chi era costui? Nessuno dei presenti ne conosceva l’identità e fu chiamato semplicemente “adauctus”, aggiunto, da cui il nome Adautto, “eo quod sancto Felici auctus sit ad coronam martyrii”.
L’episodio restò vivo nella memoria della Chiesa romana, che associò i due martiri in un’unica commemorazione, al punto che alcune fonti li definiscono fratelli. La notizia più antica sui due martiri ci è fornita da un carme di papa Damaso, in cui viene elogiato il presbitero Vero per averne decorato il sepolcro. La diffusione del loro culto nell’Europa settentrionale ebbe origine dal dono di alcuni frammenti prelevati dalle loro reliquie e donati da papa Leone IV alla moglie di Lotario, Ermengarda.

Fonte: Piero Bargellini su Santi e Beati

Si festeggiano inoltre:

  • Sant’Agilo, abate
  • San Bononio, abate
  • San Fantino il Giovane, monaco
  • San Fiacrio
  • Santa Gaudenzia, vergine e martire
  • Santa Margherita Ward, martire in Inghilterra
  • San Pietro di Treviri, eremita
  • San Teodosio di Oria, vescovo
Santi Felice ed Aduatto - per la foto si ringrazia

Santi Felice ed Aduatto – per la foto si ringrazia

Comments are closed.

Search
Categories