Crea sito

Archive for Ottobre, 2019

Torta con farina di castagne e nocciole

La torta con farina di castagne e nocciole è un dolce da forno soffice e gustoso, perfetto per un fine pasto non troppo pesante, eccellente per una merenda rigenerante. Se poi volete mangiarne una fetta, di prima mattina, come colazione energizzante, di sicuro non ve ne pentirete.

La farina di castagne (facilmente reperibile qui in Piemonte, sia nei supermercati che nei negozi specializzati) ben si combina con la croccantezza donata dalle nocciole delle Langhe tritate.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per uno stampo da 24 cm)

  • 200 gr. di farina di castagne
  • 3 uova
  • 150 gr. di zucchero
  • 100 gr. di olio di oliva
  • 50 gr. di farina di nocciole
  • 70 gr. di nocciole delle Langhe
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Zucchero a velo q.b. (per guarnire)

In un contenitore sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Incorporate quindi l’olio d’oliva a filo, un poco alla volta continuando miscelare.

Aggiungete poi la farina di castagne e quella di nocciola (setacciate) e per ultime le nocciole che precedentemente avrete tritato, secondo i vostri gusti, più o meno finemente.

Aggiungete infine il lievito, completate l’impasto mescolando con estrema cura.

Procuratevi ora una teglia da forno che andrete a rivestire dell’apposita carta e dove trasferirete il miscuglio appena preparato.

Infornate in modalità statica, preriscaldata a 180° per circa 45 minuti. Trascorso il tempo, controllate la cottura con la classica “prova stecchino” quindi sfornate e lasciate raffreddare.

A questo punto la vostra torta sarà pronta per essere porzionata e servita ai vostri ospiti, non prima di essere stata cosparsa di zucchero a velo.

Semplice e frugale dolcezza.

Torta con farina di castagne e nocciole

Cozze alla marinara

Le cozze alla marinara sono un tipico antipasto della tradizione culinaria italiana.

Un piatto ricco di profumi e di sapori semplici, dalla preparazione elementare e rapida che lo rendono ideale per ogni occasione, dal pranzo in famiglia, alla convivialità di una cena tra amici non escludendo occasioni più formali.

Insomma, non si dice mai di noi ad un piatto di cozze alla marinara.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 2 kg. di cozze
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 bicchiere di vino bianco di qualità
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Crostini di pane come accompagnamento

La ricetta inizia con la pulizia delle cozze, procedimento che potrete seguire cliccando qui.

Terminata l’operazione, dopo esservi assicurati di aver eliminato ogni seppur minima incrostazione dai gusti dei bivalve ed averli perfettamente sciacquati sotto abbondante acqua fredda, sistemate in le cozze in un tegame capiente non prima di avervi aggiunto i due spicchi d’aglio ed un generoso filo d’olio extravergine d’oliva.

Cuocete a fiamma viva (con il coperchio) fin quando i gusci dei molluschi non si saranno aperti, a questo punto levate il coperchio, sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare l’alcool.

Nel frattempo tostate il pane che servirà di accompagnamento.

A questo punto le cozze alla marinara sono pronte per essere impiattate, spolverizzate con un po’ di prezzemolo tritato e servite in tavola, ben calde, accompagnate dai crostini di pane.

Semplici sapori di mare.

Cozze alla marinara

Merluzzo gratinato al forno

Il merluzzo gratinato al forno con patate è un secondo piatto con contorno appetitoso, tipico delle regioni del nord Italia, dove spesso presenzia sulle tavole imbandite, soprattutto nelle stagioni fredde dell’anno.

Gli ingredienti sono piuttosto poveri ma combinati assieme rendono questo piatto saporito, sostanzioso e saziante. La procedura di preparazione è semplice e non richiede particolari abilità in cucina.

Noi abbiamo aggiunto un ingrediente, la panna, che dona un tocco in più di cremosità e delicatezza all’insieme dei sapori.

L’abbinamento patate e merluzzo, poi, è sempre una garanzia di successo.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 400 gr. di filetti di merluzzo (dissalato)
  • 400 gr. di patate
  • 40 gr. di pangrattato
  • 1 uovo grande (o due piccoli)
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 250 ml di panna da cucina
  • 1 bicchiere di latte intero
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Dissalare correttamente il merluzzo (lasciandolo in ammollo per almeno un paio di gg, cambiando l’acqua ogni 12 ore circa) oppure comprate già quello pronto per essere cucinato.

Tagliate il pesce a pezzetti non troppo piccoli che andrete a passare e ripassare, prima nell’uovo sbattuto quindi nel pangrattato fino ad ottenere una perfetta panatura uniforme. Pelate, lavate e riducete a cubetti le patate.

Sciacquate il prezzemolo e tritatelo piuttosto finemente.

In un contenitore mescolate la panna con il bicchiere di latte ed una macinata di pepe.

Procuratevi ora una teglia da forno oppure (come abbiamo fatto noi) dei tegamini monoporzione in terracotta e ungeteli accuratamente con dell’olio.

Versate nelle cocottes  monoporzione (o nella pirofila) la panna mista al latte quindi sistemate il merluzzo a pezzetti e le patate. Spruzzate un po’ di olio extravergine d’oliva.

Infornate ora in modalità statica e preriscaldata a 200 gradi per circa trenta minuti.

Trascorso il tempo o comunque quando vedrete crearsi una crosticina dorata in superficie, sfornate, lasciate riposare qualche minuto quindi servite in tavola ai vostri ospiti dopo aver spolverizzato con un po’ di prezzemolo tritato.

Delizia gratinata.

Merluzzo gratinato al forno con patate

Cheesecake ai frutti di bosco

La cheesecake è, assieme all’apple pie, uno dei dolci americani più famosi nel mondo. Noi abbiamo preparato la versione con i frutti di bosco. Il risultato è stato davvero soddisfacente ed invitante.

La ricetta è semplice sia negli ingredienti che nella preparazione, non occorre essere provetti pasticceri per confezionare questo dessert. Serve solo un po’ di tempo e di pazienza per raddensare e compattare gli strati.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti:

Base:

  • 300 gr. di biscotti (le classiche digestive saranno perfette)
  • 110 gr.di burro

Farcitura:

  • 500 gr. di formaggio Philadelphia
  • 150 gr. di yogurt bianco
  • 180 gr. di zucchero a velo
  • 200 ml di panna montata
  • 10 gr. di colla di pesce
  • Il succo di un limone

Guarnizione:

  • 250 gr. di frutti di bosco
  • 10 gr. di colla di pesce
  • 6/7 cucchiai di zucchero

 

Iniziate la preparazione della torta sbriciolando, in una ciotola, i biscotti unendoli poi al burro fuso. Mescolante gli ingredienti  e con l’impasto omogeneo ottenuto ricoprite il fondo di una teglia da forno a cerniera.

Riponete il tutto in frigo a raddensare.

Passate ora alla preparazione della farcitura. Mettete 10 gr. di colla di pesce in ammollo, poi in un contenitore mescolate il formaggio Philadelphia con lo yogurt, lo zucchero a velo e la panna montata.

Sciogliete la colla di pesce a fuoco lento, aggiungete il succo del limone quindi il composto preparato in precedenza e per finire la panna montata.

Mescolate il tutto per bene affinché gli ingredienti si amalgamino alla perfezione.

Versate il tutto sulla base di biscotti ormai compatta e riponete in frigo a riposare per almeno 6 ore.

Per finire preparate la guarnizione.

Ammollate i 10 gr. di colla di pesce.

Nel frattempo, in una padella sciogliete, a fiamma lieve, i 6/7 cucchiai di zucchero unitamente ai frutti di bosco, aggiungete poi la colla di pesce (strizzatela prima di unirla) ed aspettate che si sciolga.

Estraete la cheesecake dal frigo quindi guarnitela con salsa appena preparata.

A questo punto la torta è pronta per essere tagliata e servita in tavola ai vostri ospiti.

Fresca delizia.

Cheesecake ai frutti di bosco

 

Pappardelle al tris di funghi

Le pappardelle al tris di funghi sono un piatto profumato ed invitante, un vero trionfo di odori e di sapori ricevuti in dono direttamente dalla stagione autunnale, una delle più magiche e spettacolari che la natura ogni anno ci propone.

La preparazione non è complicata, soprattutto se acquistate le pappardelle già confezionate, altrimenti, comunque, non sarà difficile impastarle.

Per quanto riguarda il condimento, noi abbiamo usato tre tra le qualità di funghi più comuni ed apprezzate, ovvero i finferli, i champignon ed i porcini.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 500 gr. di pappardelle all’uovo
  • 300 gr. di funghi porcini
  • 150 gr. di champignon
  • 150 gr. di finferli
  • 1 spicchio d’aglio
  • ½ bicchiere di vino bianco di qualità
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.

Iniziate la preparazione pulendo con cura i funghi. Eliminatene le parti terrose, facendo attenzione a non trascurare anche il seppur minimo residuo. Passateli infine con un panno umido.

Con l’aiuto di un coltello affilato ed un tagliere riducete le coppe dei funghi a fettine ed i gambi a cubetti.

Procuratevi ora un tegame capiente, versatevi un filo generoso di olio extravergine d’oliva, accendete il fuoco ed unite lo spicchio d’aglio. Fatelo rosolare fin quando non si sarà imbrunito uniformemente quindi scolatelo.

Aggiungete ora il misto di champignon, porcini e finferli, sfumateli con il vino bianco quindi rosolateli per bene fin quando non saranno appassiti ed insaporiti (serviranno una dozzina di minuti). Salate e pepate secondo i vostri gusti.

Lessate le pappardelle in abbondante acqua salata rispettando i tempi indicati sulla confezione per una cottura al dente.

Trascorso il tempo necessario, scolate la pasta direttamente nel tegame, fate saltare il tutto per qualche istante, ovvero il tempo necessario agli ingredienti per amalgamarsi alla perfezione (se necessario, aggiungete un po’ di acqua di cottura per rendere meno asciutto l’insieme).

Impiattate, spolverizzate con un po’ di prezzemolo tritato e servite in tavola ai vostri ospiti.

Frugale delizia.

Pappardelle al tris di funghi

Coniglio al forno con erbette

Il coniglio al forno con erbette è un secondo tradizionale, un piatto che spesso è presente sulle nostre tavole nel classico pranzo della domenica oppure in occasioni conviviali come le cene tra amici o con i parenti.

La ricetta risulta piuttosto semplice da mettere in atto, non eccessivamente condita e facile da digerire. Una pietanza adatta a tutti, grandi e piccini.

Noi abbiamo affiancato alla carne delle deliziose patate dell’orto che creano un contorno ideale per questa carne bianca tenera e prelibata. La cottura al forno è la perfetta e degna sinfonia di questo piatto.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi  all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 1 coniglio di circa 1 kg già tagliato
  • 800 gr. di patate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 rametto di timo
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie di alloro
  • Maggiorana q.b.
  • 2 foglie di salvia
  • ½ bicchiere di vino bianco di qualità
  • 30 gr. di burro
  • 2 cucchiai di polpa di pomodoro
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Procuratevi una padella dove andrete a versare un filo d’olio extravergine d’oliva, accendete il fuoco ed unite il burro e lo spicchio d’aglio A questo punto aggiungete la carne e fatela rosolare (fuoco vivo) in maniera uniforme accompagnata dal rosmarino ed il timo precedentemente tritati in modo grossolano.

Sfumate con il vino bianco, quando l’alcool sarà evaporato, aggiungete due cucchiai di polpa di pomodoro quindi salate e pepate secondo i vostri gusti.

Cuocete per ulteriori 6/7 minuti a fiamma medio bassa.

Nel frattempo pelate le patate, tagliatele a cubetti in una ciotola dove provvederete a salarle, aromatizzarle con un po’ di pepe, timo e maggiorana. Conditele poi con un po’ di olio extravergine d’oliva. Mescolate il tutto affinché gli ingredienti si amalgamino alla perfezione.

Foderate ora una teglia da forno con l’apposita carta quindi trasferitevi il coniglio appena rosolato in padella. Aggiungete le patate, i restanti aromi tritati e bagnate il tutto con il fondo di cottura rimasto nel tegame.

Infornate in modalità statica, preriscaldata, a 200° per circa 45 minuti controllando di tanto in tanto la cottura.

Trascorso il tempo, sfornate, impiattate e servite in tavola il coniglio ancora fumante ai vostri ospiti.

Tradizionale golosità.

Coniglio al forno con erbette

Pomodori ripieni

I pomodori ripieni sono una ricetta gustosa e leggera, un antipasto stuzzicante particolarmente indicato per la stagione calda.

Gli ingredienti sono pochi, semplici e genuini, la preparazione a dir poco elementare.

I pomodori ripieni possono rivelarsi un prezioso ed invitante salvacena.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 4 pomodori maturi
  • 8 cucchiai di insalata russa (cliccate qui per la ricetta)
  • 8 olive verdi

Per prima cosa preparate l’insalata russa seguendo i procedimenti qui indicati.

Pulite e lavate con cura i pomodori quindi tagliateli a metà.

A questo punto scavate un po’ ogni singola metà del pomodoro quindi farcitela con un cucchiaio di insalata russa.

In superficie guarnite, se volete, con della maionese e/o con un’oliva verde.

Il vostro antipasto è ora pronto per essere impiattato e servito in tavola ai vostri ospiti.

Semplicissima delizia.

Pomodori ripieni

Polpette di zucchine alla pizzaiola

Le polpette di zucchine alla pizzaiola sono un secondo leggero e saporito dal sapore gustoso ed invitante.

Con una preparazione non troppo elaborata ed adatta a chiunque, otterrete una piacevolissima alternativa altrettanto appetitosa alle classiche polpette di carne macinata.

Un piatto perfetto per un pranzo in famiglia oppure per una cena tra amici, apprezzato dai grandi e sicuramente gradito dai più piccoli che sicuramente non faranno storie per mangiare la verdura così cucinata.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 6 persone, circa 20/24 polpettine)

  • 300 gr. di zucchine
  • 250 gr. di mollica di pane raffermo
  • 1 uovo di medie dimensioni
  • 60 gr. di latte intero
  • 150 gr. di pan trattato
  • 150 gr. di passata di pomodoro
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 gr. di mozzarella
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Basilico q.b.
  • Pepe q.b.
  • Sale q.b.

Per prima cosa pulite e lavate con cura le zucchine quindi tagliatele a rondelle aiutandovi con una mandolina.

Procuratevi ora un tegame dove andrete a rosolarle (con il coperchio), per una decina di minuti, a fiamma media, mescolando di tanto in tanto.

Nel frattempo spezzettate a mano il pane in una ciotola quindi versatevi sopra il latte.

Una volta che le zucche saranno pronte, spegnete il fuoco e lasciatele raffreddare. A questo punto trasferitele nella tazza del mixer da cucina unitamente al pane ammollato nel latte e ad alcune foglie di basilico. Azionate il frullatore e tritate gli ingredienti.

Ottenuto il primo composto, aggiungete il pangrattato, salate e pepate.

Frullate nuovamente per alcuni instanti ed infine incorporate l’uovo.

Azionate nuovamente il robot fino ad ottenere un composto piuttosto denso ed omogeneo.

A questo punto trasferite l’impasto in un contenitore e provvedete a creare delle polpette dal peso di circa 30/35 gr. che adagerete man mano su un vassoio.

Una volta pronte, mettetele in frigo a rassodare per circa 30 minuti.

Nel contempo preparate il sugo, ovvero rosolate lo spicchio d’aglio in un filo generoso d’olio extravergine d’oliva, quando questo si sarà imbrunito uniformemente, scolatelo. Aggiungete quindi la polpa di pomodoro ed alcune foglie di basilico.

Cuocete a fiamma bassa per circa 10 minuti dopodiché aggiungerete le polpette, distanziate l’una dall’altra e continuando la stufatura per cinque minuti. A questo punto girate le palline e provvedete ad adagiarvi sopra la mozzarella tagliata a fettine piuttosto sottili.

Coprite il tegame con il coperchio e portate a fine cottura per ulteriori 6/7 minuti a fiamma medio/bassa.

A questo punto non vi resterà che impiattare e servire le polpette in tavola ai vostri ospiti.

Delicata bontà.

Polpette di zucchine alla pizzaiola

Polpette di zucchine alla pizzaiola

Polpette di zucchine alla pizzaiola

Polpette di zucchine alla pizzaiola

Tagliatelle al ragù di cinghiale

Le tagliatelle verdi al ragù di cinghiale sono un primo dal gusto intenso e corposo, una piacevole e stuzzicante alternativa al classico sugo fatto con il macinato di maiale e bovino.

Piatto, o meglio, condimento di marcata ispirazione toscana, dove la carne di cinghiale è particolarmente apprezzata, questo primo può essere comunque accostato a tutte le regioni alpine ed appenniniche dove la cacciagione fa parte della cultura culinaria.

Una pasta perfetta per il pranzo della domenica in famiglia, per una rimpatriata tra amici, per una cena frugale in compagnia.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 500 gr. di tagliatelle (verdi)
  • 500 gr. di carne di cinghiale macinata
  • 2 carote
  • 1 cipolla bianca
  • 1 gamba di sedano
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 foglie di alloro
  • 1 bicchiere di vino rosso di qualità
  • 1 rametto di rosmarino
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Sale q.b.

Pulite con cura le verdure quindi tagliate le carote a cubetti, il sedano e tocchetti e tritate finemente la cipolla. Pelate lo spicchio d’aglio.

In un tegame dal fondo spesso, versate un generoso filo d’olio extravergine d’oliva quindi aggiungete prima le carote, poi il sedano, la cipolla ed infine lo spicchio d’aglio intero.

Soffriggete il tutto per circa dieci minuti a fiamma lieve poi unite la carne macinata di cinghiale e gli aromi (rosmarino ed alloro).

Mescolate la carne di tanto in tanto in modo che si rosoli in maniera uniforme ed adeguata. A questo punto, dopo una decina di minuti, sfumate con il vino rosso. Quando l’alcool sarà evaporato, incorporate la salsa di pomodoro.

Salate, pepate e mescolate (più volte, di tanto in tanto) portando a cottura completa che avverrà dopo circa tre ore.

Trascorso il tempo lessate le tagliatelle in abbondante acqua bollente salata per il tempo necessario per una cottura al dente.  Scolate poi la pasta direttamente nel tegame con il sugo (ancora caldo) e fate saltare il tutto per alcuni istanti ovvero il tempo necessario agli ingredienti di mescolarsi alla perfezione.

Impiattate e servite le tagliatelle ancora fumanti ai vostri ospiti.

Rustica bontà.

Tagliatelle verdi al ragù di cinghiale

Mini burger di salmone

I mini burger di salmone sono un gustosa e raffinata alternativa al classico macinato di carne bovina, un secondo colorato e saporito da presentare in tavola nelle più svariate occasioni, uno stratagemma infallibile per far mangiare il pesce anche ai più piccini.

Gli ingredienti sono pochi e genuini, la preparazione non è eccessivamente articolata. Insomma, un ricetta in cui si possono cimentare tutti.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 burger):

  • 400 gr. di filetti di salmone
  • 8 panini da mini hamburger (oppure 4 da hamburger normali)
  • 1 cucchiaio di senape
  • 1 pomodoro insalataro
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Farina q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Per prima cosa tritate (con il coltello) i filetti di salmoni in dadini piuttosto sottili.

Riponete il risultato in una ciotola unitamente al cucchiaio di senape. Salate leggermente e pepate. Mescolate il tutto in maniera adeguata in modo che gli ingredienti si mescolino alla perfezione.

Versate la farina in un piatto piano dove andrete a passare e ripassare i buger che avrete compattato manualmente lavorando il composto appena creato.

Versate un filo di olio extravergine d’oliva in tegame antiaderente, fatelo scaldare quindi friggete le vostre polpette di salmone su entrambi i lati fin quando non saranno perfettamente dorate.

Scolatele infine su una carta assorbente da cucina.

Tagliate il pomodoro insalataro orizzontalmente in modo da ottenere delle fette spesse circa mezzo cm.

Se gradite, scaldate il pane (tagliato in metà) su una piastra incandescente.

Non vi resta che comporre i panini, con una fetta di pomodoro ed il burger di salmone (se gradite potete aggiungere anche dell’insalata e/o delle salse a vostra scelta).

Chiudete il panino con l’apposito stuzzicadente e servite in tavola ai vostri ospiti.

Stuzzicante delizia.

Burger di salmone

Burger di salmone

Burger di salmone

Burger di salmone

Search
Categories