Crea sito

Archive for Ottobre, 2014

I colori della nostra alimentazione….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci aiuta a….

Cinque buoni motivi per mangiare i broccoli….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci segnala….

Fusilli zucchine e mortadella

Questo primo piatto ha molte virtù, innanzitutto, la prima, è quella di essere davvero buono, poi è facile da preparare, necessita di pochi ingredienti e, non ultima, vi permetterà di far bella figura con i vostri ospiti senza dover per forza preparare manicaretti troppo complicati.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 320 gr. di fusilli
  • 2 zucchine medie
  • 4 fette di mortadella
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • formaggio grattugiato q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Come prima cosa, pulite e lavate per bene la cipolla e le zucchine, pulite l’aglio e privatelo della radice interna.

Aiutandovi con un tagliere ed un coltello, riducete la cipolla in un trito non troppo fine quindi affettate le zucchine a rondelle.

Tagliate le fette di mortadella a tocchetti.

Procuratevi una padella capiente oppure un saltapasta, versatevi un filo d’olio extravergine d’oliva che farete scaldare.

Unite dunque l’aglio e la cipolla, fate rosolare il tutto per qualche minuto. Aggiungete quindi le zucchine che lascerete appassire fin quando non risulteranno ben dorate (necessiteranno di 10/12 minuti di cottura, dipende dallo spessore delle rondelline).  Cinque minuti prima di spegnere il fuoco, togliete lo spicchio d’aglio ed unite la mortadella.

Aggiustate di sale e di pepe, mescolate per bene e portate a termine la cottura mescolando di tanto in tanto.

Spegnete il fuoco e lasciate riposare.

Nel frattempo, in abbondante acqua salata, lessate i fusilli rispettando i tempi per una cottura al dente indicati sulla confezione.

Trascorso il tempo necessario, scolate la pasta (per sicurezza tenete da parte un mestolo di acqua di cottura) e trasferite i fusilli direttamente nel saltapasta dove avete approntato i condimenti.

Accendete il fuoco e fate saltate il tutto mescolando per un paio di minuti (casomai il risultato dovesse sembrarvi eccessivamente asciutto, aggiungete qualche cucchiaio di acqua di tenuto da parte in precedenza).

Impiattate, spolverizzate con un poco di formaggio grattugiato e servite ai vostri ospiti.

Successo assicurato.

Fusilli zucchine e mortadella

Fusilli zucchine e mortadella

Fusilli zucchine e mortadella

Fusilli zucchine e mortadella

Fusilli zucchine e mortadella

Fusilli zucchine e mortadella

 

 

 

Curiosità interessanti….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci insegna che….

Contenuta nei carciofi….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci insegna che….

I “cruset” della Valle Stura

I “cruset” sono una pasta fatta a mano tipica ed esclusiva della Valle Stura, che collega la provincia di Cuneo con la Francia per mezzo del Colle della Maddalena.

Si tratta di una preparazione piuttosto semplice, ottenuta mescolando la farina di frumento duro con le uova, il sale e l’acqua.

I cruset vengono abitualmente conditi con un sugo di porri molto semplice che ne valorizza splendidamente il sapore.

Vi proponiamo una delle tante ricette delle massaie valligiane con cui deliziano i loro familiari.

Ingredienti (dosi per 6/8 persone):

  • 700 gr. di farina di frumento duro
  • 2 tuorli d’uovo
  • 2 porri (meglio se quelli di Cervere, per rimanere a km O)
  • acqua q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • formaggio grattugiato q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Come prima cosa versate la farina sul piano di lavoro, quindi formate la classica fontanella.

All’interno collocate i due tuorli d’uovo, pizzicate di sale ed iniziate ad impastare aggiungendo pian piano l’acqua fin quando non otterrete un impasto giustamente denso ed omogeneo.

Lasciate riposare il preparato per circa un’ora sotto un canovaccio umido.

Trascorso il tempo, dividete l’impasto in pezzetti da cui ricaverete dei rotolini di pasta (come doveste preparare degli gnocchi) che poi taglierete a tocchettini della lunghezza di circa un cm e mezzo/due.

Lavorate ora con il pollice i pezzetti di pasta ottenendo delle simil orecchiette, creando, possibilmente delle piccole scanalature interne.

Ripetete l’operazione fin quando non terminerete gli ingredienti.

Lasciate riposare per qualche minuto i “cruset” ottenuti affinchè acquistino un pochino di secchezza.

Avrete dunque il tempo per preparare il condimento.

Prendete i porri, lavateli per bene sotto abbondante getto di acqua fredda quindi tagliateli a rondelle non troppo sottili.

In una padella fate scaldare con un corposo filo di olio extravergine d’oliva. Unite quindi i porri che lascerete appassire ed insaporire per una ventina di minuti minuti a fuoco medio/basso.

In abbondante acqua bollente salata, cuocete per circa 7 minuti i vostri cruset.

A cottura ultimata, scolate (tenete da parte un mestolo di acqua di cottura) e trasferite la pasta direttamente nella padella con i condimenti. Accendete il fuoco (medio) e fate saltare, mescolando, per un paio di minuti fin quando il condimento e la pasta non si amalgamino alla perfezione, se il composto dovesse risultate eccessivamente asciutto, diluite con un poco di acqua di cottura.

Spegnete il fuoco, aggiungete il formaggio, mescolate ancora una volta per bene quindi impiattate e servite fumante ai vostri ospiti.

Vedrete che apprezzeranno tantissimo la vostra specialità.

 

Cruset della Valle Stura

Cruset della Valle Stura

Cruset della Valle Stura

Cruset della Valle Stura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cordon bleu di melanzane

Inutile nascondersi, i cordon bleu “classici” sono un’esplosione di bontà, un secondo spettacolare, un piatto strepitoso.

In questa circostanza, però, vi proponiamo una rivisitazione molto intrigante, dove la carne viene sostituita da fette di melanzane.

Risultato finale? Un tripudio, da leccarsi baffi, barba e naso.

Ingredienti (dosi per 4 persone, un cordon bleu a testa):

  • 250 gr. di melanzane tonde
  • 150 gr. di prosciutto cotto
  • 2 uova
  • 150 gr. di scamorza affumicata
  • pane grattugiato q.b.
  • farina q.b.
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.
  • 4 foglie di basilico
  • olio di semi di arachidi q.b.

Per prima cosa, lavate ed asciugate la melanzana.

Aiutandovi con un tagliere, asportatene il picciolo e l’altra estremita. Tagliate quindi la verdura in fette dello spessore di circa mezzo cm.

Adagiate ora le fette ottenute in un colapasta, salatele in superficie con del sale grosso quindi ricopritele con un piatto che funga da peso.

Lasciate poi spurgare l’acqua di vegetazione per almeno un’oretta (due se avete tempo a disposizione).

Trascorso il tempo, sciacquate il tutto sotto abbondante getto d’acqua fredda per poi asciugare le fette aiutandovi con un panno oppure della carta assorbente da cucina (se gradite avere ulteriori informazioni su come pulire le melanzane, cliccate qui).

Mentre attendete che le melanzane si scolino, passate alla preparazione del necessario per la panatura.

Procuratevi una ciotola e due piatti capienti. Nella prima sbattete le uova (con un pizzico di sale ed una macinata di pepe) aiutandovi con una frusta da cucina, nel secondo verserete una giusta quantità di pane grattugiato, nel terzo metterete della farina.

Riducete la scamorza affumicata a fettine.

Prendete un piatto piano bello grande (tipo quelli della pizza, per intenderci) quindi disponetevi sopra metà delle fette di melanzana tonda, farcite quindi con il prosciutto, poi con una foglia di basilico per poi coprire con una fettina di scamorza.

Terminate il vostro cordon bleu apponendo un’altra fetta di melanzana che andrà a comporre  una sorta di sandwich.

A questo punto bisogna procedere con la panatura stando ben attenti a non disfare quanto appena costruito.

Prendete dunque il vostro cordon bleu appena preparato e, con delicatezza, passatelo nella farina su entrambi i lati, quindi immergetelo nelle uova sbatttute e terminate il processo di panatura rivoltandolo un paio di volte nel pangrattato.

Procuratevi una padella e versatevi abbondate olio di semi di arachidi che porterete in temperatura (se avete un termometro da cucina, la gradazione consigliabile sarebbe di 180°)

A quel punto immergetevi i cordon bleu (aiutandovi con una schiumarola, oppure con un mestolo forato) uno alla volta che lascerete friggere (rivoltandoli una volta) fin quando non otterranno una perfetta doratura su entrambi i lati.

Per ottenere una cottura perfetta, necessiteranno un paio di minuti per lato.

A cottura ultimata, scolate il tutto ed adagiate il vostro cordon bleu su un foglio di carta assorbente da cucina.

Ripetete l’operazione con gli altri sandwich impanati.

Impiattate e servite le vostra melanzane farcite ben calde per la gioia dei vostri ospiti.

Suggerimento: 1) al posto della scamorza affumicata potete usare qualsiasi tipo di formaggio filante. 2) per rendere più “leggeri” i vostri cordon bleu, potete anche cuocerli al forno, preriscaldato a 180° in modalità ventilato per circa 15 minuti, prendendovi buona cura di girare le vostre melanzane a metà cottura.

Cordon bleu di melanzane

Cordon bleu di melanzane

 

 

 

 

 

 

 

Cordon bleu di melanzane

Inutile nascondersi, i cordon bleu “classici” sono un’esplosione di bontà, un secondo spettacolare, un piatto strepitoso.

In questa circostanza, però, vi proponiamo una rivisitazione molto intrigante, dove la carne viene sostituita da fette di melanzane.

Risultato finale? Un tripudio, da leccarsi baffi, barba e naso.

Ingredienti (dosi per 4 persone, un cordon bleu a testa):

  • 250 gr. di melanzane tonde
  • 150 gr. di prosciutto cotto
  • 2 uova
  • 150 gr. di scamorza affumicata
  • pane grattugiato q.b.
  • farina q.b.
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.
  • 4 foglie di basilico
  • olio di semi di arachidi q.b.

Per prima cosa, lavate ed asciugate la melanzana.

Aiutandovi con un tagliere, asportatene il picciolo e l’altra estremita. Tagliate quindi la verdura in fette dello spessore di circa mezzo cm.

Adagiate ora le fette ottenute in un colapasta, salatele in superficie con del sale grosso quindi ricopritele con un piatto che funga da peso.

Lasciate poi spurgare l’acqua di vegetazione per almeno un’oretta (due se avete tempo a disposizione).

Trascorso il tempo, sciacquate il tutto sotto abbondante getto d’acqua fredda per poi asciugare le fette aiutandovi con un panno oppure della carta assorbente da cucina (se gradite avere ulteriori informazioni su come pulire le melanzane, cliccate qui).

Mentre attendete che le melanzane si scolino, passate alla preparazione del necessario per la panatura.

Procuratevi una ciotola e due piatti capienti. Nella prima sbattete le uova (con un pizzico di sale ed una macinata di pepe) aiutandovi con una frusta da cucina, nel secondo verserete una giusta quantità di pane grattugiato, nel terzo metterete della farina.

Riducete la scamorza affumicata a fettine.

Prendete un piatto piano bello grande (tipo quelli della pizza, per intenderci) quindi disponetevi sopra metà delle fette di melanzana tonda, farcite quindi con il prosciutto, poi con una foglia di basilico per poi coprire con una fettina di scamorza.

Terminate il vostro cordon bleu apponendo un’altra fetta di melanzana che andrà a comporre  una sorta di sandwich.

A questo punto bisogna procedere con la panatura stando ben attenti a non disfare quanto appena costruito.

Prendete dunque il vostro cordon bleu appena preparato e, con delicatezza, passatelo nella farina su entrambi i lati, quindi immergetelo nelle uova sbatttute e terminate il processo di panatura rivoltandolo un paio di volte nel pangrattato.

Procuratevi una padella e versatevi abbondate olio di semi di arachidi che porterete in temperatura (se avete un termometro da cucina, la gradazione consigliabile sarebbe di 180°)

A quel punto immergetevi i cordon bleu (aiutandovi con una schiumarola, oppure con un mestolo forato) uno alla volta che lascerete friggere (rivoltandoli una volta) fin quando non otterranno una perfetta doratura su entrambi i lati.

Per ottenere una cottura perfetta, necessiteranno un paio di minuti per lato.

A cottura ultimata, scolate il tutto ed adagiate il vostro cordon bleu su un foglio di carta assorbente da cucina.

Ripetete l’operazione con gli altri sandwich impanati.

Impiattate e servite le vostra melanzane farcite ben calde per la gioia dei vostri ospiti.

Suggerimento: 1) al posto della scamorza affumicata potete usare qualsiasi tipo di formaggio filante. 2) per rendere più “leggeri” i vostri cordon bleu, potete anche cuocerli al forno, preriscaldato a 180° in modalità ventilato per circa 15 minuti, prendendovi buona cura di girare le vostre melanzane a metà cottura.

Cordon bleu di melanzane

Cordon bleu di melanzane

 

 

 

 

 

 

 

Come pulire le melanzane….

La melanzana è un ortaggio che fonda le sue origini in Asia, tra l’India e la Cina.

Usatissima nella cucina italiana, soprattutto in quella del sud Italia dove è ingrediente principe e fondamentale in alcune ricette della tradizione come la “parmigiana”, la pasta “alla norma”, le polpette e via dicendo.

Ne esistono di molteplici varietà, forme e colori. Ne ricordiamo di tonde, di lunghe, di oblunghe. Di viola intenso, di striate, di bianche-striate, di gialle.

Riguardo al sapore, possiamo notare che quelle lunghe (indicate per essere grigliate, oppure come ingrediente nelle polpette) hanno un gusto più deciso e pungente, mentre quelle rotonde (ideali per friggere) sono più delicate.

Ora passiamo alla pratica vera e propria, due dritte su come pulire ed affettare questo gustosa verdura non guastano mai…

Come prima cosa è necessario assicurarsi che la melanzana sia bella soda (sintomo di freschezza), liscia, lucida e senza ammaccature importanti.

Nonostante ce ne siano di diverse forme e colori, le melanzane si puliscono tutte nella medesima maniera.

Iniziate lavando la verdura sotto abbondante getto di acqua fredda, quindi asciugatela con un panno o della carta assorbente da cucina.

Aiutandovi con un coltello, asportate il peduncolo (a volte spinoso) e la base (lasciatela se dovete adoperare le melanzane per farle ripiente).

A questo punto potete decidere di pelarla o meno (a seconda della ricetta che avete intenzione di preparare), anche se nella maggior parte delle preparazioni, viene consigliato di tenere la buccia.

In caso decidiate di pelare la verdura, il consiglio che ci sentiamo di darvi, è quello di utilizzare un pelapate, incidete con esso la buccia asportandola con un movimento dall’alto verso il basso fin quando non avrete eliminato completamente la pelle.

Importante ricordare che la melanzana va pelata nell’immediatezza dell’utilizzo in quanto tende ad annerirsi molto velocemente.

Per evitare che questo avenga si può porre rimedio spremendovi il succo di un limone sulla superficie.

Se volete invece assicurarvi che la melanzana non conservi l’eventuale  tipico gusto amarognolo e l’acqua in eccesso, affettatte l’ortaggio, adagiatene le fette cosparse di sale grosso in un colapasta. Coprite il tutto con un piatto (se ritenete necessario, potete porre un peso onde agevolare lo spurgo). Lasciate spurgare per circa un paio d’ore, tempo necessario per fare scolare il liquido in eccesso.

Trascorso il tempo, sciacquate le fette sotto abbondante getto d’acqua quindi asciugatele con un panno oppure della carta assorbente da cucina.

Tenete comunque presente che questa procudura donerà già una salatura all’ortaggio.

A questo punto, la melanzana è pronta per essere impiegata per qualsiasi preparazione voi gradiate.

Melanzane

Melanzane

Melanzane

Melanzane

 

 

 

 

Impariamo a conoscere e distinguere i carboidrati….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci aiuta a distinguere i carboidrati….

"Dieta Personalizzata"

“Dieta Personalizzata”

Search
Categories