Crea sito

Fragole di San Raffaele Cimena – P.A.T.

Le Fragole di San Raffaele Cimena sono costituite per lo più da cultivar con frutto di pezzatura grossa e, solo in minima parte, sono presenti fragole di pezzatura piccola, notoriamente denominate “fragole di bosco”. Attualmente sono presenti le varietà Cesena, Addie, Moneoye, fino alle più recenti Favette, Dana, Miss, Idea, Gea e Maya. Quest’ultima costituisce la varietà più interessante: una cultivar precoce dal frutto di forma conico-allungata regolare, di colore rosso brillante e buona consistenza della polpa, con piante di media vigoria e di elevata produttività.

Territorio di produzione

L’area di produzione si concentra nella fertile pianura di San Raffaele Cimena in provincia di Torino, denominata “La Piana”.

Metodologia di coltivazione

La coltura viene praticata su terreno pacciamato da film plastico nero per contenere le malerbe.
La raccolta avviene da metà aprile per le cultivar precoci in coltura protetta e fino a metà giugno per le colture in pieno campo.La coltura annuale è la più diffusa, solo nei piccoli appezzamenti si pratica la coltura biennale.
Le varietà coltivate sono adatte anche ai trasporti e ad eventuale conservazione.

….un po’ di storia

La tradizione ortofrutticola della zona di San Raffaele Cimena risale al Basso Medioevo.
Nel secolo scorso i prodotti locali divennero le primizie dei mercati generali di Torino e del mercato di Chivasso. Nel 1953, viene istituito, nella piazzetta di “San Bernardo”, il “Mercato delle fragole e delle ciliegie”, ora non più esistente, dove, in realtà, venivano commercializzati tutti i prodotti ortofrutticoli del paese. Negli Anni ’70, in occasione della Festa Patronale, si istituì una Mostra Mercato dei prodotti ortofrutticoli locali.

Fonte: www.piemonteagri.it

Fragole di San Raffaele Cimena P.A.T. – per la foto si ringrazia

Leave a Reply

*

Search
Categories