Crea sito

Archive for the ‘******Antipasti******’ Category

Crostini di gorgonzola, fragole e glassa di aceto balsamico

I crostini di gorgonzola, fragole e glassa di aceto balsamico sono un antipasto freddo stuzzicante, intrigante e fuori dall’ordinario. Un modo davvero colorato e simpatico di sorprendere i vostri amici. La forza del gorgonzola, la delicatezza delle fragole e la corposità della glassa creano sul palato un mix di sapori davvero irresistibili.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 6 crostini):

  • 150 gr. di gorgonzola dolce
  • 12/14 fragole di Agribisalta s.r.l.
  • 6 crostini
  • glassa di aceto balsamico q.b.

Il procedimento di preparazione, più che semplice, è elementare.

Per prima cosa, tagliate il pane a fette quindi tostatele su una piastra oppure con l’aiuto di un tostapane. Se volete evitare questo procedimento, come abbiamo fatto noi, procuratevi direttamente dei crostini che si trovano in un qualsiasi supermercato.

Pulite e lavate con cura le fragole quindi sezionatele a tocchetti non troppo piccoli (almeno 1 cm di lato)

Con un coltello spalmate un corposo strato di gorgonzola sul crostino, quindi sistemate sopra le fragole.

Terminate l’opera guarnendo il tutto con un fino sottile di glassa di aceto balsamico.

Il vostro antipasto è ora pronto per essere servito in tavola ai vostri ospiti.

Semplicità e rapidità allo stato puro.

Crostini gorgonzola, fragole e glassa di balsamico

Crostini gorgonzola, fragole e glassa di balsamico

Crostini gorgonzola, fragole e glassa di balsamico

Crostini gorgonzola, fragole e glassa di balsamico

Crostini gorgonzola, fragole e glassa di balsamico

Crostini gorgonzola, fragole e glassa di balsamico

 

 

Crostini di polenta con crema di formaggi e porri

I crostini di polenta con crema di formaggi e porri è un antipasto caldo che ben si accompagna alla tradizione piemontese. Rapido da preparare, economico, gustoso e stuzzicante, si addice alla perfezione a cene conviviali tra amici ma anche a pranzi più raffinati.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 200 gr. farina di mais (può andare bene anche quella istantanea)
  • pecorino q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • su come preparare la crema ai formaggi e porri, cliccate qui

Procuratevi una pentola dai bordi alti, riempitela con un po’ di acqua e portatela ad ebollizione.

Salate, quindi iniziate ad aggiungere un poco alla volta la farina di mais mescolando continuamente.

Portate a cottura (le tempistiche variano, se usate la farina istantanea, necessiteranno solo 12/15 minuti, se adoperate quella tradizionale servirà una mezz’oretta).

Una volta pronta la polenta, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Nel frattempo provvedete a cucinare la crema di formaggi ai porri, qui troverete il procedimento da seguire

Quando la polenta si sarà perfettamente addensata, con l’aiuto di un tagliere ed un coltello, riducetela a cubetti (non troppo piccoli) il più possibile regolari.

Prendete ora una padella antiaderente fatela scaldare per bene su fiamma viva quindi aggiungete cubetti appena tagliati e fateli tostare in maniera uniforme fino a renderli perfettamente dorati e croccanti.

Ora non vi resterà che disporre accuratamente i crostini di polenta  su un piatto versandovi poi sopra una giusta quantità di crema ai formaggi. Per finire colate un filo di olio extravergine d’oliva ed una spolverizzata di pecorino in scaglie.

Il piatto è pronto per essere servito in tavola, caldo, ai vostri ospiti.

Prelibatezza.

 

Crostini di polenta con crema di formaggi e porri

Crostini di polenta con crema di formaggi e porri

Crostini di polenta con crema di formaggi e porri

Crostini di polenta con crema di formaggi e porri

Crostini di polenta con crema di formaggi e porri

Verza, peperoni ed acciughe in insalata con nocciole

Un antipasto? Un contorno? Un piatto unico? Scegliete voi come meglio definire quest’insalata dal sapore deciso, avvolgente, intrigante. Mangiandola si assapora la nostra terra, il Piemonte, la sua forza, il suo calore, la sua tenacia.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 250 gr. di verza
  • 8 filetti di acciuga (sotto sale o sott’olio)
  • 10 nocciole del Piemonte I.G.P.
  • 3/4 filetti di peperoni sott’olio (dipende dalla grandezza)
  • formaggio a pasta dura (Grana Padano, Parmigiano, pecorino)
  • glassa di aceto balsamico q.b.
  • 1 o 2 spicchi di agliO (meglio se quello di Caraglio P.A.T.)
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Per prima cosa lavate con cura le foglie di verza quindi provvedete a tagliarle sottilmente aiutandovi con coltello e tagliere oppure con una mandolina.

Scolate le acciughe se sono sott’olio oppure dissalatele accuratamente se sono sotto sale.

Tagliate i peperoni a listarelle sottili.

Tritate le nocciole in modo grossolano (noi le abbiamo semplicemente battute su un piano utilizzando un batticarne).

Pelate l’aglio e spartite ogni spicchio in quarti facendo attenzione, se possibile, ad eliminare l’animella interna.

Procuratevi ora una ciotola sufficientemente capiente dove andrete a sistemare la verza quindi unirete i peperoni tagliati a listarelle, i filetti di acciuga infine gli spicchi d’aglio sezionati in quarti.

Condite poi con un pizzico di sale (poco), con della glassa di aceto balsamico ed un filo di olio extravergine d’oliva.

Mescolate ora con cura gli ingredienti e lasciate riposare (se il tempo ve lo concede) per circa un paio d’ore in modo che i vari sapori si fondano perfettamente.

Ora non vi resta che impiattare quindi spolverizzare con le nocciole spezzate ed il formaggio che precedentemente avrete ridotto in scaglie.

Servite in tavola.

 

Verza, peperoni e acciughe in insalata con nocciole

Verza, peperoni e acciughe in insalata con nocciole

Verza, peperoni e acciughe in insalata con nocciole

Verza, peperoni e acciughe in insalata con nocciole

Verza, peperoni e acciughe in insalata con nocciole

Verza, peperoni e acciughe in insalata con nocciole

Verza, peperoni e acciughe in insalata con nocciole

 

 

 

Insalata pollo,emmental, sedano e noci

L’insalata pollo, emmental, sedano e noci è un antipasto creativo e saporito, dal sapore coinvolgente ed invitante, ideale per tutte le occasioni, dalla cena informale in amicizia alla serata più impegnativa con ospiti di riguardo.

Non richiede particolari abilità tecniche, solo un po’ di pazienza nel preparare i vari ingredienti.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4/6 persone):

  • 1/2 pollo arrosto
  • 300 gr. di emmental
  • 200 gr. di sedano bianco
  • 80 gr. di noci sgusciate
  • sale q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • pepe (facoltativo) q.b.
  • glassa di aceto balsamico (facoltativo) q.b.

Per prima cosa togliete la pelle al pollo arrosto quindi riducetelo a dadini oppure, se preferite, a listarelle per poi mettetelo in un contenitore capiente.

Prendete il sedano, pulitelo e lavatelo con cura quindi tagliatelo a cubetti non troppo grandi. Unitelo nel contenitore al pollo.

Sgusciate le noci oppure usate quelle già pronte. Unite ora la frutta secca agli altri ingredienti.

Tagliate il formaggio a pezzetti quindi incorporatelo al resto approntato in precedenza.

Mescolate con cura in modo che tutti i sapori si fondano alla perfezione.

Terminata l’operazione provvedete a condire con un poco di sale (non esagerate in quanto il pollo arrosto solitamente è piuttosto sapido ed anche l’emmental è gustoso di suo), un pizzico di pepe  (se lo gradite) ed irrorate con un filo di olio extravergine d’oliva.

Rimestate nuovamente con cura.

Lasciate riposare in frigo per un paio d’ore (se potete) affinchè i vari ingredienti assorbiscano bene il condimento.

Togliete dal frigo una mezz’ora prima di servire, impiattate e presentate in tavola.

Non mancheranno di certo i complimenti.

Suggerimento: questa insalata può tranquillamente essere presentata come secondo piatto fresco e leggero.

 

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Insalata pollo, emmental, sedano e noci

Danubio – ricetta salata (by Francesca Rabino)

Oggi vi presentiamo una ricetta sorprendente, gustosa, soffice e piacevole che può essere inserita in una serie infinita di contesti. Dall’antipasto, alla merenda, dall’apericena fino ad un dopocena con amici.

Intrigante e non troppo difficile da preparare vi permetterà di fare un figurone con i vostri ospiti. Certo, per cucinare il Danubio non dovete aver fretta, la ricetta necessita di tempo ma come si suol dire…il gioco vale sicuramente la candela.

Ringraziando al nostra amica Francesca che ha preparato e fotografato la ricetta, non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (6/8 persone):

  • Per l’impasto:
    • 500 gr. di farina di Manitoba
    • 8 gr. di lievito di birra secco
    • 25 grammi di zucchero
    • 1 uovo
    • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
    • 10 gr. di sale fino
  • Per la farcitura:
    • 50 gr. di emmental
    • 50 gr. di fontina
    • 50 gr. di prosciutto cotto
    • pesto
    • filetti di acciuga sott’olio
  • Per spennellare in superficie:
    • 1 uovo
    • 2 cucchiai di latte

Se avete la planetaria, impastare risulterà più semplice e rapido, in caso contrario, dovrete armarvi di santa pazienza e buoni muscoli e mescolare il tutto a mano.

Per prima cosa, fate stemperare il lievito di birra nel latte a fiamma lenta. Sul piano di lavoro setacciate la farina di Manitoba quindi aggiungete il sale, lo zucchero quindi l’uovo intero ed iniziate ad impastare unendo il miscuglio di latte e lievito un poco alla volta. Incorporate poi anche l’olio extravergine d’oliva.

Amalgamate con cura e pazienza gli ingredienti fin quando non otterrete un impasto denso e compatto.

Terminata l’operazione adagiate il composto in una ciotola, ricopritela con un foglio di pellicola trasparente quindi mettetela a lievitare in forno spento ma con la luce accesa per ALMENO un paio d’ore.

Trascorso il tempo, stendete l’impasto lievitato (che sarà quantomeno raddoppiato rispetto alle dimensioni originali), sul piano di lavoro precedentemente infarinato quindi dividetelo in 20 parti il più possibile uguali.

Con ogni porzione, aiutandovi con un mattarello, ottenete dei dischi di pasta di un diametro di circa 10 cm che andrete a farcire singolarmente con le diverse combinazioni di gusti scelti. Richiudete poi l’impasto formando una pallina.

Ripetete l’operazione fin quando non avrete terminato gli ingredienti.

Disponete ora le singole porzioni di pasta in una teglia rotonda da 24/26 facendo attenzione di variare la disposizione e la vicinanza dei ripieni in modo che ogni singolo bocconcino non sia accanto ad un altro del medesimo gusto.

In una ciotolina a parte, sbattete l’uovo con i due cucchiai di latte quindi con il miscuglio ottenuto spennellate abbondantemente la superficie della torta.

Terminata l’operazione, ricoprite la teglia con un foglio di pellicola trasparente e lasciate lievitare l’impasto per un’altra oretta e mezza. Se poi son due ore, meglio ancora.

A questo punto noterete che le palline di pasta si saranno notevolmente volumizzate andando a riempire tutti gli spazi liberi della teglia.

Non vi resta che eliminare la pellicola trasparente, infornare a 180° (forno statico pre-riscaldato) per una mezz’ora mantenendo comunque un vigile controllo sulla cottura facendo in modo che il Danubio ottenga la giusta doratura in superficie. Se, trascorsi i 30 minuti, la torta risultasse ancora non sufficientemente cotta, procedete ancora per poco tempo avendo l’accortezza di coprire la teglia con un foglio di carta stagnola onde evitare che la superficie della torta si scurisca oltre il necessario.

Il vostro Danubio salato sarà ora pronto per essere presentato ai vostri ospiti, sia freddo che ancora tiepido.

 

Danubio - ricetta salata

Danubio – ricetta salata

Danubio - ricetta salata

Danubio – ricetta salata

Danubio - ricetta salata

Danubio – ricetta salata

Danubio - ricetta salata

Danubio – ricetta salata

Melanzane italiane

Oggi proponiamo una ricetta gustosa, rapida ed anche piuttosto scenografica riguardo alla presentazione.

Pochi e semplici ingredienti, rendono questa preparazione rapida e di elementare esecuzione. In pochi minuti potrete ottenere un antipasto freddo ottimo per tutte le stagioni che sicuramente otterrà un favorevole riscontro presso i vostri ospiti.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 2 menlanzane tonde di medie dimensioni
  • 14/16 pomodori datterini
  • 4 foglie di basilico
  • 1 mozzarella (meglio se di bufala) da 100 gr. circa
  • salsa verde (bagnet verd – per gli ingredienti, cliccate qui) q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Per prima cosa pulite le melanzane (su come fare, cliccate qui).

Lavate con cura i pomodorini e le foglie di basilico, scolate la mozzarella.

Prendete le melanzane e tagliatele in fette dello spessore di circa un cm, ponetele in uno scolapasta, salatele e lasciate loro far l’acqua per una mezz’ora circa.

Nel frattempo preparate la salsa verde (su come farla, cliccate qui).

In una ciotola tagliate i pomodori datterini in quattro parti ed uniteli alle foglie di basilico spezzettate. Condite il tutto con sale ed olio extravergine d’oliva.

Tagliate la mozzarella in fiocchetti piuttosto piccoli.

Una volta che le melanzane avranno trasudato il loro liquido interno, asciugatele per bene quindi grigliatele su una piastra antiaderente.

A questo punto prendete le fette di melanzane ormai cotte, quindi conditele con un cucchiaino di salsa verde a sinistra, quindi un po’ di mozzarella in centro ed un po’ di pomodorini a sinistra.

Ripetete le operazioni fin quando non avrete terminato gli ingredienti.

Il vostro antipasto sfizioso sarà dunque pronto per essere servito in tavola ai vostri ospiti.

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

Melanzane italiane

 

 

Insalata di asparagi

Oggi vi proponiamo un contorno (che può essere benissimo usato anche come antipasto) molto fresco ed appetitoso, particolarmente indicato per la stagione primaverile, periodo dell’anno ideale per gustare gli asparagi.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 500 gr. di asparagi di pezzatura media
  • 12 pomodorini
  • 4 cucchiai di olive (noi abbiamo usato quelle verdi, ma vanno benissimo anche quelle taggiasche)
  • 1 scalogno
  • Pecorino romano d.o.p.
  • sale q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

La preparazione è davvero elementare.

Lavate e pulite per bene gli asparagi ed i pomodorini. Pelate lo scalogno. Sgocciolate le olive.

Lessate gli asparagi in abbondante acqua oppure, meglio ancora, come abbiamo fatto noi, a vapore per una dozzina di minuti (il tempo di cottura dipende molto dal calibro della verdura) comunque tenendo sempre presente che devono rimanere croccanti.

In una ciotola sufficientemente capiente, unite ora i pomodorini precedentemente smezzati, lo scalogno tagliato a rondelle sottili, le olive (intere o affettate) ed infine gli asparagi ridotti a tocchetti (tenete da parte qualche punta per la presentazione finale). Condite con sale (poco) ed olio extravergine d’oliva a piacere.

Mescolate con cura e delicatezza.

Non vi resta che impiattare e spolverizzare con abbondante pecorino romano D.O.P.

Delizia per il palato.

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi

Insalata di asparagi


 

Insalata mari e monti

Oggi vi presentiamo un antipasto/contorno gustosissimo e semplice da preparare. Poche e rapide operazioni per portare in tavola un piatto sano e leggero.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (4 persone):

  • radicchio di Chioggia I.G.P.
  • lattuga (o insalata gentilina)
  • 4 cucchiai di olive taggiasche
  • 2 foglie di verza (di medie dimensioni)
  • 16 filetti di acciughe
  • 8/10 pomodorini cherry o piccadilly
  • sale q.b.

Per prima cosa pulite e mondate con cura il radicchio, l’insalata gentilina e la verza. Sgocciolate i filetti di acciuga e le olive taggiasche. Lavate i pomodorini.

Procuratevi un asse da cucina ed un coltello affilato con cui andrete a tagliare in maniera non troppo fine l’insalata che poi riporrete in un contenitore a parte.

Procedete ora a sminuzzare in maniera piuttosto fine la verza (potete farlo usando il coltello  o meglio ancora una mezzaluna oppure  un tritatutto manuale).

Smezzate i pomodorini.

Prendete ora un piatto ed iniziate la composizione mettendo un po’ di verza, poi un po’ di radicchio e di gentilina. Unite quindi i pomodorini, 4 filetti di acciughe, un cucchiaio di olive taggiasche.

Condite il tutto con un pizzico di sale ed un filo di olio extravergine d’oliva.

Servite in tavola.

Consiglio: per rendere ancora più golosa l’insalata, potete spolverizzare il tutto con una manciata di formaggio grattugiato (grana o pecorino).

 

Insalata mari e monti

Insalata mari e monti

 

Insalata di finocchi, speck, arance e…..

Questo antipasto, nella sua estrema semplicità, rimane uno dei capisaldi del nostro modo di fare cucina. Quando vogliamo andare sul sicuro, accontentare tutti i nostri ospiti e fare bella figura avendo a disposizione poco tempo, ecco la pietanza perfetta.

Vi basterà una mezz’ora per raccogliere tanti complimenti convinti e sinceri.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4/6 persone):

  • 1 finocchio grande (oppure due piccolini)
  • 1 arancia (Navel)
  • 90 gr. di olive taggiasche sotto’olio
  • 150 gr. di speck tagliato a listarelle
  • 3 cucchiai di pinoli
  • 2 manciate di crostini
  • 60 grammi di pecorino romano
  • 30 grammi di formaggio grana 
  • glassa di aceto balsamico q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

La preparazione è assai semplice, diciamo quasi elementare.

Per prima cosa pulite e lavate con cura il finocchio. Sbucciate l’arancia lasciandola, per il momento intera.

Sgocciolate le olive.

Procuratevi una padella dove provvederete a far tostare i pinoli a fiamma piuttosto viva. Terminata l’operazione metteteli in un contenitore e lasciateli raffreddare.

Nel medesimo pentolino fate ora rosolare lo speck tagliato a listarelle per qualche minuto, mescolando di tanto in tanto, fin quando la parte grassa non diventerà trasparente. Spegnete quindi il fuoco e lasciate raffreddare.

Procuratevi ora un tagliere con l’aiuto del quale ridurrete l’arancia prima a fette poi a quadratini (non disperdete l’eventuale sugo che ne scaturisce).

A questo punto trasferite i finocchi in una capiente ciotola, poi l’arancia a tocchetti (con l’eventuale succo fuoriuscito), i pinoli tostati, lo speck rosolato, le olive taggiasche sgocciolate.

Mescolate il tutto per bene e con cura.

Incorporate ora il pecorino romano ed il formaggio grana che avrete precedentemente provveduto a ridurre in scaglie non troppo grandi.

Condite a piacere con la glassa di balsamico e l’olio extravergine d’oliva (il sale non è necessario in quanto gli ingredienti inseriti donano già una più che sufficiente sapidità).

Rimestate con attenzione quindi lasciare riposare per qualche minuto in modo che gli ingredienti si amalgamino alla perfezione.

Un quarto d’ora prima di servire in tavola, unite i crostini (che consigliamo di spezzettare).

Date un’ultima mescolata, impiattate e servite in tavola ai vostri ospiti.

Solo complimenti per lo/la chef.

 

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Insalata di finocchi, speck, arance e....

Insalata di finocchi, speck, arance e….

Coccinelle

Innanzitutto il dovuto ringraziamento ad Alessandro, vero fautore della ricetta e delle relative immagini fotografiche.

Che dire di questa preparazione, grande impatto visivo, ottimo equilibrio tra gusto e leggerezza, eccellente appetizer utilizzabile per una merenda stuzzicante, per un apericena con gli amici oppure come “entée” per una cena in cui si vuol fare bella figura.

Da non dimenticare, discreta facilità di esecuzione.

Scegliete voi come e dove utilizzare le coccinelle, per  il resto non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 8 fette di pane in cassetta dalle fette quadrate(nel nostro caso, integrale)
  • 1 confezione di formaggio spalmabile (nel nostro caso, Philadelphia)
  • pomodori datterini q.b.
  • salmone affumicato tagliato a fette q.b.
  • olive nere q.b.
  • rucola (facoltativa, come guarnizione e per donare colore)

 

Prendete una fetta di pane in cassetta, dividetela in quattro parti uguali.

Spalmate ogni quadratino ottenuto con il formaggio quindi ricopritelo con una fettina di salmone affumicato.

A questo punto tagliate in due i pomodorini (in senso verticale) quindi sistematene una metà sopra il salmone con la parte interna rivolta verso il basso a formare il corpo della coccinella.

Ora prendete un’oliva nera, tagliate anch’essa a metà, una delle due parti andrà sistemata ad una delle due estremità del pomodorino ottenendo così la testa dell’animaletto.

L’altra metà dell’oliva sezionatela a tocchetti che verranno successivamente sistemati sulla superficie del pomodoro a creare le caratteristiche macchioline della coccinella.

A questo punto la vostra tartina è pronta, ripetete l’operazione fin quando non terminerete gli ingredienti.

Disponente l’antipasto in maniera coreografica su un piatto di portata, magari sopra un letto di rucola per rendere il tutto ancora più d’impatto visivo.

Le coccinelle portafortuna sono quindi pronte per stupire i vostri ospiti.

 

Coccinelle

Coccinelle

Search
Categories