Crea sito

Archive for gennaio, 2018

Broccoletti in padella con acciughe ed olive taggiasche

Siete alla ricerca di un modo alternativo e gustoso di cucinare i broccoli? Stufi di mangiarli sempre lessi o con la besciamella? Ebbene, questa è la ricetta che fa al caso vostro. Pochi ingredienti, semplicità di preparazione e risultato assicurato.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 800 gr. di cime di broccoli
  • 100 gr. di olive taggiasche sottolio
  • 2 pomodori maturi
  • 4 filetti di acciuga (se sono piccoli, anche 6)
  • 1 cipolla bianca di medie dimensioni
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Per prima cosa premuratevi di pulire e lavare con cura le cimette dei broccoli. Asciugatele poi con cura e provvedere a cuocerle a vapore per 4/5 minuti (a seconda della grandezza) facendo in modo che rimangano ancora comunque ben croccanti.

Trascorso il tempo, levate la verdura dal fuoco, sistematela in un piatto e lasciatela raffreddare.

Nel frattempo procuratevi una pentola, versatevi un filo di olio extravergine d’oliva ed unite la cipolla precedentemente tritata (non troppo finemente).

Soffriggete a fiamma bassa per alcuni minuti quindi aggiungete i pomodori tagliati a dadini. Stufate il tutto per cinque/sei minuti. Aggiungete poi le olive taggiasche ed i filetti di acciuga, mescolate con cura.

Proseguite la cottura per pochi minuti, ovvero fin quando la salsa si sarà un poco ristretta e le acciughe si sfaldate.

A questo punto recuperate i broccoletti, uniteli in cottura e lasciate insaporire per il tempo necessario ad ottenere una cottura a puntino.

Non vi resta che impiattare e servire a vostri ospiti.

Un contorno/secondo piatto davvero delizioso, adatto a tutti i gusti ed a tutti i palati.

Consiglio: prima di portare in tavola, potete rifinire il piatto con un leggero filo d’olio extravergine. Non abbondate, onde evitare di andare a coprire gli altri sapori.

Broccoletti con acciughe ed olive taggiasche

Broccoletti con acciughe ed olive taggiasche

Broccoletti con acciughe ed olive taggiasche

Broccoletti con acciughe ed olive taggiasche

Broccoletti con acciughe ed olive taggiasche

Broccoletti con acciughe ed olive taggiasche

Broccoletti con acciughe ed olive taggiasche

 

Sformato di zucchine con crema di pomodoro

Oggi siamo a presentarvi una ricetta molto semplice, gustosa e leggera. Un soffice mix di sapori ideale come antipasto da proporre in una conviviale cena tra amici ma non da sottovalutare come piatto da inserire in un pranzo formale. Insomma una pietanza davvero versatile, non eccessivamente calorica che donerà colore e scenografia al vostro pasto. Lo sformato può essere preparato sia in un unica forma (per poi essere affettato) oppure, come abbiamo deciso di fare noi, in singole monoporzioni che risultano sicuramente più facili da gestire ed impiattare.

Ingredienti (dosi per 6 monoporzioni):

  • 550 gr. di zucchine
  • 3 uova medie
  • 100 gr. di ricotta vaccina
  • 25 gr. di pecorino (o altro formaggio stagionato a pasta dura)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 25 gr. di olio extravergine d’oliva
  • pepe nero q.b.
  • sale q.b.
  • burro q.b.

Per la salsa:

  • 300 gr. di salsa di pomodoro
  • 1 cipolla bianca di medio/piccole dimensioni
  • sale q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Per prima cosa pulite e lavate con cura le zucchine, quindi asciugatele e riducetele a rondelle piuttosto fini.

Procuratevi ora una padella antiaderente dove andrete a versare un filo d’olio extravergine d’oliva, unite lo spicchio d’aglio (precedentemente sbucciato) che rosolerete fin quando non risulterà ben dorato. Scolatelo e provvedere ad eliminarlo.

Aggiungete ora le zucchine, salate e cuocete per circa 6/7 minuti premurandovi di mescolare con regolarità. Trascorso il tempo spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Nel frattempo, in un padellino sufficientemente capiente, versate un filo di olio extravergine d’oliva e la cipolla bianca tritata. Soffriggete per 3/4 minuti quindi unite la salsa di pomodoro. Salate e fate “restringere” per almeno 10 minuti. Spegnete poi il fuoco e lasciate intiepidire.

Trasferite ora le zucchine nella tazza del mixer unitamente alle uova, alla ricotta ed al formaggio grattugiato. Frullate quindi gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.

Procuratevi ora gli stampini in alluminio (capacità 120/130 gr.), imburrateli con cura quindi, prima di  provvedete a riempirli in maniera uniforme, foderateli ulteriormente con della carta da forno.

Prendete ora una teglia da forno, versatevi un po’ di acqua (in modo da coprirne il fondo con un paio di cm). Posizionate poi le formine appena approntate.

Cuocete quindi in forno statico preriscaldato a 160° gradi per un’ora circa. Controllate la cottura, sfornate e lasciate intiepidire il tutto.

Trascorso il tempo, rivoltate ogni singolo tortino in un piatto, guarnitelo con un paio di cucchiai di salsa (anch’essa tiepida) e servite in tavola ai vostri ospiti. Se gradite, spolverizzate con poche scaglie sottili di formaggio.

Un successo assicurato.

Sformato di zucchine con salsa di pomodoro

 

 

Fagiolo di Saluggia – P.A.T.

Il Fagiolo di Saluggia è di tipo compresso, reniforme di colore roseo con striature rossastre e con tegumento esterno particolarmente sottile ed è utillizzato per la produzione di fagioli secchi.

TERRITORIO DI PRODUZIONE

La zona di produzione coincide con Saluggia ed alcuni comuni limitrofi in provincia di Vercelli.

METODOLOGIA DI COLTIVAZIONE

Il terreno è preparato con un’aratura ed una successiva erpicatura. Nel periodo tra la seconda decade di giugno e quella di luglio si procede alla semina. Dopo circa tre mesi si effettua meccanicamente la raccolta. Se il prodotto presenta un’umidità superiore al 14-15% subisce un’ulteriore essiccazione che avviene al sole o altrimenti nel tradizionale essiccatoio a basse temperature (max 35°C).
Successivamente, si effettuano tre puliture: la prima per separare dal prodotto le impurità più grossolane, i corpi estranei e le parti del prodotto non lavorate (baccelli interi e porzioni di stelo della pianta); la seconda e la terza per eliminare le rotture ed i fagioli non perfettamente maturi.

….UN PO’ DI STORIA

La presenza e la coltivazione del fagiolo a Saluggia risale ai primi anni del ‘900. Il Decreto Reale del 21 maggio 1914 ordinò il “Censimento Generale del Regno” nel quale comparve un’annotazione sulle produzioni orticole comprendenti il fagiolo nella zona di Saluggia. Tuttavia, altri storici locali sostengono che la coltivazione di questa leguminosa sia iniziata in un periodo antecedente il Censimento Generale.

Per saperne di più…:

  • Consorzio di Tutela del Fagiolo di Saluggia

    Cascina Tenimento 3 – 13040 
    SALUGGIA (VC) 
    Tel.: 0161/486253
    Fax.: 0161/486373

Fonte: www.piemonteagri.it

Fagiolo di Saluggia P.A.T. – per la foto si ringrazia

Search
Categories