Crea sito

Archive for giugno, 2017

Pane di Cappelli – P.A.T.

Il pane di Cappelli è ottenuto da una lavorazione particolare che è stata tramandata da padre in figlio per decenni sin dal 1930. Caratteristico della provincia di Chieti, questo pane viene lavorato con farine di grani duri tipici delle colline abruzzesi, che per il loro profumo, unito alla lavorazione della pasta di riporto (lievito madre) e all’aggiunta di pasta acida, permettono di avere un aroma tipico. Gli ingredienti sono: farina di semola di grano duro (10 kg); acqua (8 kg); lievito di pasta di riporto (pH 4,1-3,5 kg); pasta acida (pH 3,8- 500 g); sale (250 g).
Per la produzione di questo pane si procede al rinfresco serale, che consiste nell’impastare una parte di lievito di pasta di riporto e due parti di farina di grano duro e, dopo circa 3 ore e trenta minuti, si ripete la stessa operazione sempre con una parte di pasta e due di farina. La lievitazione esatta della pasta di riporto avviene al momento del raddoppio della massa, ed è quindi pronta all’uso. La pasta acida consiste in una massa che il panificatore lascia la mattina per il giorno dopo da amalgamare all’impasto.

La stessa viene lasciata in contenitori con acqua fresca, in modo da favorirne la fermentazione con la produzione di acidi acetici che conferiscono al pane friabilità e permettono la sua conservazione per alcune settimane. L’impasto, effettuato con macchine impastatrici, dura circa trenta minuti; la pasta viene messa a riposare in apposite casse di legno, alla base delle quali vengono poggiati dei teli di stoffa che una volta coperto il pane, essendo grezzi e asciutti, non si attaccano ad esso. Il legno di queste casse serve anche a permettere che la massa cruda lieviti naturalmente: i lieviti infatti si riproducono in presenza di ossigeno, creando eteri acetici. La lievitazione dura circa tre ore e trenta. Il pane viene lavorato in pezzature che variano da circa 500 g a 2 kg. Dopo la lavorazione il pane va inciso e infornato. La cottura varia a seconda della pezzatura del pane.

Il pane di Cappelli presenta una colorazione interna giallo paglierino con pronunciati alveoli di forma ovale e può conservarsi per alcune settimane. Valori nutrizionali per 100 g di prodotto cotto: proteine 15%; carboidrati 60%; fibre1,5%; acqua 28,5%; lipidi:0,5%; kcal 276. L’elemento caratteristico della produzione di questo pane è l’uso della pasta di riporto, detto lievito madre, che il panificatore oggi cura ancora con le antiche metodologie.

Il pane di Cappelli è prodotto da oltre 30 anni ed è conosciuto con diversi nomi dialettali (filoncino di municarella; coppietta; pagnotta alta; filone; cuscino; schirone).

 

Fonte: Atlante dei prodotti tradizionali D’Abruzzo – ARSSA – Agenzia Regionale per i servizi di sviluppo agricolo-abruzzo

Pane di Cappelli P.A.T. - per la foto si ringrazia

Pane di Cappelli P.A.T. – per la foto si ringrazia

Formaggio di capra “Padduni” – P.A.T.

Questo caprino a pasta cruda ha origini che risalgono al XI secolo a.C. , viene prodotto nell’intero territorio siciliano da latte intero crudo caprino da bestiame allevato al pascolo con alimentazione prevalentemente spontanea e raramente integrata con alimentazione in stalla

La microflora è naturale e viene utilizzato caglio di pasta di agnello, a volte di capretto

Il Padduni (formaggio di capra siciliano) si differisce dal “Formaggiu ri capra” per alcune caratteristiche:
la forma (palla invece che cilindrica),
il peso (300 g. invece che 3 Kg.),
la salatura
soprattutto per la stagionatura (fresco invece che 3 mesi)

La forma di questo caprino è a palla di circa 300 gr e viene consumato fresco

Durante la lavorazione il latte coagula in una tina di legno a circa 37°C con caglio in pasta di agnello e/o capretto in circa 45 minuti. La cagliata viene rotta poi con la “rotula”

Si può aggiungere all’impasto pepe nero in grani o fiocchi di peperoncino. La cagliata viene quindi spurgata manualmente in un recipiente di legno , la “cisca”, viene quindi scottata con scotta calda, quindi messa in forma e salata;

La salatura avviene a secco sull’intera superficie della forma.

Fonte: Atlante Caseario.com

Formaggio di capra "Padduni" P.A.T. - per la foto si ringrazia

Formaggio di capra “Padduni” P.A.T. – per la foto si ringrazia

Risotto alle fragole

Dobbiamo ammetterlo, il risotto alle fragole ci ha sempre, al tempo stesso, intrigato ed intimorito, stuzzicato ed incuriosito. Alla fine ci siamo decisi mettendoci di buona lena ai fornelli sgombrando il campo dalle nostre remore.

Il risultato è stato davvero strabiliante, un primo piatto tipicamente primaverile/estivo dal gusto avvolgente ed invitante.

Semplicissimo da cucinare, vi permetterà si stupire i vostri ospiti senza dover essere per forza degli chef provetti.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 320 gr. di riso (preferibilmente Carnaroli)
  • 250 gr. di fragole di Agribisalta s.r.l.
  • 1 cipolla bianca
  • 100 gr. di crescenza (o stracchino)
  • 60 gr. di vino bianco secco di qualità
  • 1 litro di brodo vegetale (su come prepararlo, cliccate qui)
  • 60 gr. di formaggio grattugiato (Grana o Parmigiano)
  • 20 gr. di burro
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Per prima cosa pulite e lavate con cura le fragole quindi asciugatele con un panno da cucina, sbucciate la cipolla che poi andrete a ridurre in un trito.

Procuratevi ora una padella, versatevi un filo di olio extravergine d’oliva, portatelo in temperatura quindi unite la cipolla che soffriggerete fin quando non si sarà dorata.

A questo punto unite il riso, fatelo tostare fin quando non inizierà a diventare “trasparente”.

Nel frattempo, aiutandovi con un tagliere, tagliate le fragole e tocchetti non troppo piccoli (una fragola in 4/6 parti, dipende dalla grandezza).

Tostato il riso, sfumate con il vino bianco, quanto questo sarà evaporato, iniziate la cottura vera e propria aggiungendo al riso, un poco alla volta, il brodo vegetale (su come prepararlo, cliccate qui). Mescolate di tanto in tanto.

Dopo una decina di minuti, incorporate le fragole (ci sono due teorie, chi preferisce inserirle tutte subito e chi metà ora e metà alla fine, noi le abbiamo messe tutte in questo momento della cottura mantenendone alcune per la guarnizione del piatto).

A fuoco basso portate a termine il processo di cottura per ulteriori 10/12 minuti, tempo necessario per mantenere il riso al dente (fate comunque sempre riferimento ai tempi di cottura indicati sulla confezione).

Un paio di minuti prima di spegnere la fiamma, unite la crescenza (o lo stracchino) e, mescolando, fatelo sciogliere in maniera uniforme.

Ottenuta una cottura a puntino, togliete la padella dal fuoco, aggiungete il burro ed il formaggio grattugiato e provvedete alla mantecatura mescolando con delicatezza.

A questo punto il vostro risotto alle fragole è pronto per essere impiattato e servito in tavola ai vostri ospiti.

Successo assicurato.

 

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Risotto alle fragole

Search
Categories