Crea sito

Archive for ottobre, 2014

Crostata di prugne con gelato alla vaniglia

La crostata di prugne accompagnata con il gelato alla vaniglia è un dessert che noi apprezziamo molto e che spesso proponiamo ai nostri ospiti.

A parer nostro il sapore delicato dell vaniglia crea un connubio ottimo con il gusto intenso della crostata di prugne (noi abbiamo usato la confettura di ramasin, una varietà di prugne tipica del cuneese).

Ingredienti (dosi per una teglia rotonda da 26 cm):

  • 200 gr di farina
  • 70 gr di burro
  • 80 gr. di zucchero a velo (se si amalgama molto più facilmente)
  • 700 gr. confettura di prugne (ramasin)
  • la scorza di mezzo limone non trattao
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • mirtilli q.b. (per la guarnizione)
  • ribes q.b. (per la guarnizione)
  • cacao in polvere q.b. (per la guarnizione)
  • glassa ai mirtilli q.b.

Procuratevi un mixer, al suo interno ponete il burro tagliato a pezzettoni appena estratto dal frigo , la farina setacciata, la scorza di limone ed il pizzico di sale. Frullate ora il tutto fin quando il vostro composto non assuma un aspetto granuloso, a quel punto versate il tutto su un piano di lavoro ampio ed aggiungete lo zucchero a velo passato al setaccio cercando di formare una fontanella.

Nel varco che creerete al centro, versate i tuorli d’uovo

Iniziate ad amalgamare gli ingredienti aiutandovi inizialmente con una forchetta. Quando le uova avranno assorbito sufficientemente la farina, potete proseguire ad impastare con le mani.

Continuate dunque l’operazione per il tempo necessario a compattare per bene gli ingredienti, senza esagerare onde evitare che il calore delle mani riscaldi eccessivamente il composto facendolo rimanere friabile.

Con la pasta formate ora una specie di panetto, avvolgetelo in una pellicola e deponetelo in frigo a compattare per almeno un’oretta (l’ideale sarebbe impastare la frolla il giorno prima di adoperarla).

Trascorso questo tempo, estraete la vostra frolla dal frigo, togliete la pellicola e battete il panetto con un mattarello in modo da ammorbidirlo senza però riscaldarlo.

Ora stendete la vostra pasta su un piano di lavoro aiutandovi con un mattarello.

Accendete il forno e portatelo in temperatura a 180°

Procuratevi una teglia rotonda da forno, foderatela con l’apposita carta. Rivestite ora la teglia con la pasta frolla ottenuta (premurandovi di tenerne un po’ da parte per effetuare le decorazioni).

Stendete ora la marmellata sulla superficie della pasta (se gradite, apponete le decorazioni in modo da formare i classici rombi).

Ora infornate per 25 minuti circa.

Trascorso il tempo necessario, sfornate e lasciate raffreddare.

A questo punto la vostra crostata è pronta per essere affettata, impiattata accostata alla pallina di gelato alla vaniglia quindi decorata  con i mirtilli ed il ribes e la relativa glassa.

Va da se che, per quanto riguarda la guarnizione, vi potete sbizzarrire a piacere, potete usare anche altri ingredienti che magari preferite a quelli da noi proposti.

 

IMPORTANTE: il burro usato per fare la frolla DEVE essere freddo di frigo e non a temperatura ambiente!

Crostata di prugne con gelato alla vaniglia

Crostata di prugne con gelato alla vaniglia

 

Arance, un pieno di salute….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci ricorda le principali proprietà delle arance….

* Consumate più spezie, la vostra salute ne trarrà giovamento….

Leggete questo articolo….

Spezie e salute

Spezie e salute

Dice il saggio….

E’ veramente ricco solamente colui che possiede il cuore della persona amata. (G. Garbo)

Greta Garbo

Greta Garbo

Panna cotta alla vaniglia

La panna cottalè uno dei desser “al cucchiaio” più conosciuti ed apprezzati.

Di semplice preparazione, risulta molto versatile in quanto può essere presentato ed aromatizzato in molteplici versioni.

L’origine di questo dolce si perde nella notte dei tempi ma pare certo che la sua nascita si possa collocare geograficamente nella zona delle Langhe, ovvero dove la provincia di Cuneo si fonde con quella di Asti.

Oggi vi illustriamo la ricetta classica, al gusto vaniglia.

Ingredienti (dosi per 4 stampini)

  • 500 ml di panna liquida
  • 1 baccello di vaniglia (oppure una busta di vanillina)
  • 6 gr. di colla di pesce
  • 150 gr. di zucchero a velo
  • cacao in polvere q.b. (per la guarnizione)
  • miele q.b. (per la guarnizione)
  • 4/8 more o lamponi (per la guarnizione)

Come prima cosa prendete i fogli di colla di pesce e metteteli a bagno in acqua fredda per un quarto d’ora circa.

Procuratevi un pentolino, versatevi la panna quindi lo zucchero e la bacca di vaniglia (o la busta di vanillina) mescolando il tutto a fuoco basso in modo che il composto si scaldi senza però mai raggiungere l’ebollizione.

A questo punto, strizzate per bene la colla di pesce (che trascorsi i 15 minuti di ammollo in acqua si sarà ammobidita) ed unitela al composto di panna e zucchero. Mescolate per bene fin quando la colla non si sarà del tutto disciolta.

Prima di versare negli stampini, colate il miscuglio ottenuto in modo da trattenere la bacca di vaniglia ed i suoi eventuli residui dissciolti.

Preparate ora quattro formine (della capienza di circa 125 ml ciascuna), bagnatele all’interno con dell’acqua (oppure con del liquore, se gradite donare ulteriore aromatizzazione) per agevolare il distacco una volta rassodato il composto.

Versate quindi il preparato ancora caldo negli stampini, lasciateli freddare quindi metteteli a rassodare in frigorifero per almeno 5/6 ore.

Trascorso il tempo, prendete gli stampini, immergeteli per qualche secondo in acqua bollente (vi aiuterà nel distaccare la panna dallo stampo) quindi rivoltate singolarmente nel piatto da dessert.

Guarnite ora a piacere, noi abbiamo usato un filo di miele millefiori, una mora (o un lampone) e del cacao in polvere per donare un po’ di colore e di contrasto al piatto.

Ora siete pronti per presentare il dessert ai vostri ospiti.

Panna cotta alla vaniglia

Panna cotta alla vaniglia

 

 

 

Dice il saggio….

Non è la meta. Non è il viaggio. È l’alzarsi dal divano che è un problema.

saggio

Per un salutare stile di vita….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci consiglia un salutare stile di vita….

Crema catalana

Come dice il nome stesso, questo delizioso dolche affonda le sue radici in Spagna e più precisamente in Catalogna, regione di cui Barcellona è il centro trainante dal punto di vista economico, sociale e culturale.

La crema catalana è una parente stretta del crème caramel e della crème brûlée da cui si differenzia sostanzialmente e principalmente nel metodo di cottura.

Provatela, a gusti personali, è uno dei dessert da noi preferiti.

Ingredienti (dosi per 4 persone):

  • 500 ml di latte intero
  • 4 tuorli d’uovo
  • 100 gr. di zucchero
  • 1 pezzetto di cannella
  • 2 cucchiai di farina di maizena
  • la buccia grattugiata di un limone
  • zucchero di canna q.b.
  • noce moscata q.b.

Come prima cosa lavate per bene il limone (non trattato) quindi asciugatelo e grattugiatene la scorza.

In un contenitore, fate sciogliere la farina di maizena con un po’ di latte freddo. Mescolate per bene.

Unite ora, in un pentolino, la scorza di limone al restante latte freddo. Aggiungete quindi metà dello zucchero (50 gr.) e la cannella.

Portate il vostro composto ad ebollizione mescolando in continuazione affinchè lo zucchero si sciolga. Togliete quindi il pentolino dal fuoco.

In una ciotola a parte, unite i tuorli d’uovo allo zucchero rimastovi (50 gr.) quindi lavorate il tutto. Aggiungete poi la farina di maizena (che precedentemente avete sciolto nel latte freddo). Mescolate bene.

Filtrate ora il composto caldo (per separare i residui di cannella) ed unitelo nella ciotola al miscuglio di tuorli d’uovo, zucchero e farina di maizena continuando a rimestare con cura.

Trasferite ora il composto ottenuto in un tegame e portate il tutto ad ebollizione (fuoco vivo) non smettendo mai di mescolare. Lasciate quindi cuocere per ulteriori due minuti circa.

Spegnete il fuoco e versate la crema ottenuta (che risulterà fluida e morbida) nelle apposite formine. Lasciate raffreddare quindi mettete a riposare in frigorifero per almeno un paio d’ore.

Prima di servire ai vostri ospiti, cospargete la superficie della crema con dello zucchero di canna quindi fatelo caramellare con l’apposito fornelletto (vedi foto) oppure accendendo il grill del forno per pochi minuti.

Una volta che si sarà formata una splendida crosticini bruna, presentate in tavola e raccogliete i complimenti dei vostri commensali.

 

Crema Catalana

Crema Catalana

Crema Catalana

Crema Catalana

crema catalana

Crema Catalana

Crema Catalana

Fornelletto

Fornelletto

 

 

Consigli utili per combattere la stipsi….

“Dieta Personalizzata”  (Facebook) (website) ci consiglia su come combattere la….

 

Torta di mele

Uno dei dolci da forno più classici della nostra tradizione. Ideale nel periodo freddo ma decisamente apprezzabile anche quando le temperature sono più miti, risulta preziosa per una colazione sostanziosa o per una merenda rigenerante.

Molto semplice e rapida da preparare.

Ingredienti (tortiera da 24 cm):

  • 750 gr. di mele (golden o renette)
  • 3 uova
  • 60 gr. di burro
  • 300 gr. di farina 00
  • 250 gr. di zucchero
  • 1 limone
  • 1 bicchiere di latte
  • zucchero a velo q.b.

Come prima cosa lavate per bene le mele, sbucciatele, detorsolatele quindi riducetele a spicchi giustamente sottili e riponetele in una ciotola.

Irrorate dunque il tutto con il succo del limone che avrete precedentemente spremuto (operazione che eviterà alla frutta di annerirsi).

Procuratevi ora due contenitori, in uno versate gli albumi per poi montarli a neve aiutandovi con una frusta. Nell’altro amalgamate i tuorli con lo zucchero e montateli fino ad ottenere un composto spumoso.

Unite quindi i due preparati, mescolateli con un movimento dal basso verso l’alto.

A questo punto unite, mescolando, la farina setacciata, il burro (sciolto ed intiepidito) ed infine il latte.

Riduce ora a tocchetti 3 o 4 fettine di mele ed aggiungetele all’impasto.

Rimestate ed amalgamate il tutto con cura.

Come ultima cosa unite il lievito (setacciandolo) ed incorporatero  all’impasto.

Accendete il forno e portatelo in temperatura a 180°.

Foderate ora una teglia da 24 cm con della carta da forno, versatevi quindi il composto e livellate meglio che potete.

Disponete ora le fette di mela in superficie, la densità del composto dovrebbe evitare che esse affondino.

Infornate per 40 minuti circa in modalità forno statico.

Una volta cotta, lasciate raffreddare in forno.

Affettate, spolverizzate con dello zucchero a velo e servite ai vostri ospiti (volendo accompagnando con del goloso zabaione).

 

 

Torta di mele

Torta di mele

Torta di mele

Torta di mele

 

 

 

Search
Categories