Crea sito

Sformato di zucchine con crema di pomodoro

Oggi siamo a presentarvi una ricetta molto semplice, gustosa e leggera. Un soffice mix di sapori ideale come antipasto da proporre in una conviviale cena tra amici ma non da sottovalutare come piatto da inserire in un pranzo formale. Insomma una pietanza davvero versatile, non eccessivamente calorica che donerà colore e scenografia al vostro pasto. Lo sformato può essere preparato sia in un unica forma (per poi essere affettato) oppure, come abbiamo deciso di fare noi, in singole monoporzioni che risultano sicuramente più facili da gestire ed impiattare.

Ingredienti (dosi per 6 monoporzioni):

  • 550 gr. di zucchine
  • 3 uova medie
  • 100 gr. di ricotta vaccina
  • 25 gr. di pecorino (o altro formaggio stagionato a pasta dura)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 25 gr. di olio extravergine d’oliva
  • pepe nero q.b.
  • sale q.b.
  • burro q.b.

Per la salsa:

  • 300 gr. di salsa di pomodoro
  • 1 cipolla bianca di medio/piccole dimensioni
  • sale q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Per prima cosa pulite e lavate con cura le zucchine, quindi asciugatele e riducetele a rondelle piuttosto fini.

Procuratevi ora una padella antiaderente dove andrete a versare un filo d’olio extravergine d’oliva, unite lo spicchio d’aglio (precedentemente sbucciato) che rosolerete fin quando non risulterà ben dorato. Scolatelo e provvedere ad eliminarlo.

Aggiungete ora le zucchine, salate e cuocete per circa 6/7 minuti premurandovi di mescolare con regolarità. Trascorso il tempo spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Nel frattempo, in un padellino sufficientemente capiente, versate un filo di olio extravergine d’oliva e la cipolla bianca tritata. Soffriggete per 3/4 minuti quindi unite la salsa di pomodoro. Salate e fate “restringere” per almeno 10 minuti. Spegnete poi il fuoco e lasciate intiepidire.

Trasferite ora le zucchine nella tazza del mixer unitamente alle uova, alla ricotta ed al formaggio grattugiato. Frullate quindi gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.

Procuratevi ora gli stampini in alluminio (capacità 120/130 gr.), imburrateli con cura quindi, prima di  provvedete a riempirli in maniera uniforme, foderateli ulteriormente con della carta da forno.

Prendete ora una teglia da forno, versatevi un po’ di acqua (in modo da coprirne il fondo con un paio di cm). Posizionate poi le formine appena approntate.

Cuocete quindi in forno statico preriscaldato a 160° gradi per un’ora circa. Controllate la cottura, sfornate e lasciate intiepidire il tutto.

Trascorso il tempo, rivoltate ogni singolo tortino in un piatto, guarnitelo con un paio di cucchiai di salsa (anch’essa tiepida) e servite in tavola ai vostri ospiti. Se gradite, spolverizzate con poche scaglie sottili di formaggio.

Un successo assicurato.

Sformato di zucchine con salsa di pomodoro

 

 

Fagiolo di Saluggia – P.A.T.

Il Fagiolo di Saluggia è di tipo compresso, reniforme di colore roseo con striature rossastre e con tegumento esterno particolarmente sottile ed è utillizzato per la produzione di fagioli secchi.

TERRITORIO DI PRODUZIONE

La zona di produzione coincide con Saluggia ed alcuni comuni limitrofi in provincia di Vercelli.

METODOLOGIA DI COLTIVAZIONE

Il terreno è preparato con un’aratura ed una successiva erpicatura. Nel periodo tra la seconda decade di giugno e quella di luglio si procede alla semina. Dopo circa tre mesi si effettua meccanicamente la raccolta. Se il prodotto presenta un’umidità superiore al 14-15% subisce un’ulteriore essiccazione che avviene al sole o altrimenti nel tradizionale essiccatoio a basse temperature (max 35°C).
Successivamente, si effettuano tre puliture: la prima per separare dal prodotto le impurità più grossolane, i corpi estranei e le parti del prodotto non lavorate (baccelli interi e porzioni di stelo della pianta); la seconda e la terza per eliminare le rotture ed i fagioli non perfettamente maturi.

….UN PO’ DI STORIA

La presenza e la coltivazione del fagiolo a Saluggia risale ai primi anni del ‘900. Il Decreto Reale del 21 maggio 1914 ordinò il “Censimento Generale del Regno” nel quale comparve un’annotazione sulle produzioni orticole comprendenti il fagiolo nella zona di Saluggia. Tuttavia, altri storici locali sostengono che la coltivazione di questa leguminosa sia iniziata in un periodo antecedente il Censimento Generale.

Per saperne di più…:

  • Consorzio di Tutela del Fagiolo di Saluggia

    Cascina Tenimento 3 – 13040 
    SALUGGIA (VC) 
    Tel.: 0161/486253
    Fax.: 0161/486373

Fonte: www.piemonteagri.it

Fagiolo di Saluggia P.A.T. – per la foto si ringrazia

Dice il saggio….

“Abbiamo fame di tenerezza, in un mondo dove tutto abbonda”

Alda Merini

Olive taggiasche

Le olive taggiasche sono il frutto, o meglio la drupa, dell’ulivo/olivo, un albero appartenente alla famiglia Oleaceae, Genere Olea, Specie europaea; la nomenclatura binomiale dell’ulivo/olivo è Olea europaea, varietà/cultivar Taggiasca.
L’oliva taggiasca deve il suo nome al paese di Taggio, in provincia di Imperia, vicino a Sanremo. A dir il vero, secondo quanto riportato da certi documenti storici, l’oliva taggiasca non è propriamente un frutto nostrano; pare che il merito della scoperta e dell’importazione di queste drupe sia imputabile a certi monaci francesi (ordine San Colombano – monastero di Lerino). Tuttavia, in virtù dell’estrema importanza che ha acquisito nel settore agro-alimentare ligure (e poi nel resto del territorio peninsulare), l’oliva taggiasca è da tempo considerata un prodotto tipico italiano.
L’oliva taggiasca è di dimensioni medie e si presta sia alla produzione oleifera che a quella dei frutti conservati per mensa, con valori nutrizionali sovrapponibili a quelli ordinari (elevato contenuto in lipidi) e caratteristiche organolettiche al di sopra della consuetudine.
L’olio di olive taggiasche è un DOP (Denominazione di Origine Protetta, dal 1997); meglio conosciuto col nome “Riviera Ligure DOP”, si distingue dagli altri per un tasso di acidità estremamente ridotto. Tale caratteristica, non necessariamente imputabile alla varietà della pianta, è invece l’esito di una lavorazione particolarmente accurata e della stagionalità della maturazione.

Peculiarità della Varietà Taggiasca

All’occhio di un profano, l’albero delle olive taggiasche non si differenzia molto dalla maggior parte delle varietà oleifere italiane. Si sviluppa notevolmente in altezza e può raggiungere i 10m; peraltro, le colture liguri prediligono alberi di notevoli dimensioni. Può vivere oltre i 600 anni e raggiunge la produttività dopo circa un triennio. L’albero delle taggiasche si riproduce tipicamente per talea, in quanto da seme tende ad inselvatichire. Le foglie sono medie, rigide, più larghe all’apice, verde brillante sopra e più tenue sotto; i fiori sono bianco-giallastri. La varietà taggiasca è particolarmente sensibile agli agenti negativi sulla coltivazione, come parassiti e stagioni infauste, ma possiede comunque un’ottima redditività fruttifera.
Le olive taggiasche hanno il classico aspetto della drupa da Olea europaea. Entrando più nello specifico, si osserva una colorazione oscillante tra il verde, il bruno ed il nero, e una forma ellissoidale (più larga in prossimità della base). Raggiungono il peso di 2-4 grammi. Le olive taggiasche sono una varietà “tardiva”, che matura nel mese di gennaio.

Ciò che distingue le olive taggiasche (e l’olio da esse ricavato) rispetto agli altri è la raffinatezza chimica, organolettica e gustativa. Le ragioni di queste peculiarità sono diverse.
Anzitutto, è doveroso specificare che il gusto e l’aroma delle olive taggiasche sono UNICI nel loro genere. Da queste drupe, se non miscelate ad altre cultivar, si produce il tipico OLIO FRUTTATO LEGGERO italiano, dal gusto rotondo. Poi, va da sé che la miscelazione di più oli possa determinare notevoli variazioni nel corpo, nel gusto e nell’aroma del prodotto finale. In pratica, la presenza di olio da olive taggiasche non determina necessariamente un olio fruttato leggero; per esempio, addizionare una frazione di “Riviera Ligure DOP” serve principalmente a moderare oli da varietà più intense, mentre l’accorpamento di parti medie o forti al taggiasco, sia amare che piccanti, ha lo scopo di strutturate un definitivo più intenso di quello puro.
Per quel che concerne l’olio, si tratta di un prodotto eccellente, che deve le sue caratteristiche ad un insieme di fattori predisponenti. La difficoltà maggiore nella produzione dell’olio “Riviera Ligure DOP” consiste nella coltivazione dell’olivo; una volta raggiunta la maturazione dei frutti, evitando l’influsso negativo delle malattie, dei parassiti e delle stagioni poco idonee, il gioco è fatto. La lavorazione inizia in gennaio, mese particolarmente freddo, che pertanto preserva l’integrità chimico-fisica delle drupe. Queste, oggi raccolte più per scrollatura (scuotendo la pianta) che per cascola (caduta naturale), mantengono una notevole freschezza fino al frantoio. Il risultato della successiva, accurata, lavorazione tecnologica alimentare è un olio dall’acidità (caratteristica negativa) ben al di sotto dei limiti legislativi per l’extravergine di oliva, pertanto estremamente pregiato.
Il “Riviera Ligure DOP” si abbina a cibi dal gusto delicato e non robusto.

Fonte: www.my-personaltrainer.it

Olive taggiasche – per la foto si ringrazia

 

Bastoncini di pollo impanati con salsa tonnata

La ricetta di oggi è un secondo da leccarsi i baffi. Farà felici i bambini, stuzzicherà l’appetito e la golosità dei più grandi. Semplice ed economico da preparare, ideale per una cena tra amici, può diventare un piatto stuzzicante anche per una cena più formale.

La salsa tonnata ed il pollo croccante, si coniugano alla perfezione.

Non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 500 gr. di petto di pollo
  • 40 gr. di farina “00”
  • 50 gr. di formaggio grattugiato
  • pangrattato q.b. (120 gr. circa)
  • capperi di Pantelleria q.b.
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato (facoltativo, noi non lo abbiamo usato)
  • salsa tonnata (su come prepararla, cliccate qui)
  • olio di semi di arachidi

Per prima cosa iniziate a pulire il petto di pollo, sgrassandolo per bene ed eliminandone eventuali cartilagini ancora presenti (se fate effettuare questa operazione dalla sapienti mani del vostro macellaio di fiducia, risparmiate tempo e fatica).

Provvedete quindi a sezionare il petto in bastoncini non troppo grandi.

Ora prendete due piatti fondi abbastanza capienti, in uno mettete la farina “00” nell’altro mescolate per bene il pangrattato, il formaggio grattugiato ed (eventualmente) il prezzemolo.

In una ciotola rompete le due uova, pizzicate di sale e sbattetele con cura utilizzando i rebbi di una forchetta.

Prendete ora i bastoncini di pollo, passateli e ripassateli nella farina, quindi nell’uovo sbattuto ed, infine, nel miscuglio di pangrattato e formaggio ottenendo così una panatura uniforme.

Ripetete l’operazione fin quando non terminerete gli ingredienti.

Preparate ora la salsa tonnata, cliccate qui per seguire il procedimento corretto.

Provvedete infine a cuocere i bastoncini di pollo in abbondante olio di semi di arachidi fin quando non risulteranno perfettamente dorati.

Scolate e asciugateli con della carta assorbente da cucina.

Per una presentazione accattivante, prendete un vasetto da conserva, ricopritene un fondo con un po’ di salsa tonnata, un paio di capperi da guarnizione quindi intingetene due o tre bastoncini.

Ora non vi resta che servire in tavola ai vostri ospiti.

Leccornìa sfiziosa.

Bastoncini di pollo con salsa tonnata

 

 

 

Murazzano – D.O.P.

In una delle più piccole zone italiane d’origine, l’Alta Langa, in provincia di Cuneo, nasce questo formaggio con latte di pecora o misto pecora-vacca. Può essere consumato dopo una decina di giorni o maturare oltre due mesi. E’ decisamente interessante la tipologia fresca. A seconda della stagionatura presenta aromaticità diverse. E’ un Presidio Slow Food.

TERRITORIO DI PRODUZIONE

Piemonte: parte nella provincia di Cuneo, nello specifico la zona dell’Alta Langa.

ORIGINE

  • Latte di Pecora
  • Latte di Vacca

PERIODO DI PRODUZIONE

Tutto l’anno

FORMA E DIMENSIONE

Cilindrica a facce piane, del diametro di 10-15 cm, lo scalzo è convesso, con altezza di 3-4 cm e spigoli arrotondati. Il peso varia fra 0,3 e 0,4 kg.

STORIA

Citato da Plinio il Vecchio durante l’Impero Romano, di tradizione celtica e contadina, questo formaggio fa parte della famiglia delle Robiole. Era tradizionalmente preparato dalle donne che curavano tutta la filiera, dall’allevamento delle pecore alla caseificazione del formaggio. La zona di produzione gravita attorno al paese di Murazzano, da cui prende il nome.

TIPOLOGIA DI FORMAGGIO PER TIPO DI LAVORAZIONE

Pasta molle

TECNOLOGIA DI LAVORAZIONE

Il latte crudo di pecora o misto di due munte viene coagulato con caglio di vitello. La cagliata, presamica, è soggetta a due rotture, la prima di dimensioni grossolane, la seconda alle dimensioni di una noce. La massa viene estratta e posta in appositi stampi cilindrici di piccole dimensioni per la messa in forma e per lo spurgo del siero. La salatura è a secco.

MATURAZIONE/STAGIONATURA

Dai 4 ai 10 giorni, ma può protrarsi per oltre due mesi. Nei primi giorni le forme vengono lavate con acqua calda.

CARATTERISTICHE DEL FORMAGGIO

La crosta è sottile, morbida, di colore bianco tendente al paglierino, sulla quale possono fiorire muffe bianche. La pasta è morbida, untuosa, umida e adesiva, di colore bianco o avorio e presenta occhiatura fine media, distribuita in modo irregolare.

TIPOLOGIA DI FORMAGGIO AL CONSUMO

Formaggio grasso, fresco o di breve stagionatura, a pasta molle.

INTENSITÀ AROMATICA E SENSAZIONI

Medio bassa, media, a seconda del tempo di maturazione.

ABBINAMENTI

Ottimo da solo con il pane, oppure mescolato a insalate o con verdure bollite. Può essere proposto come antipasto, magari condito con olio e pepe. È utilizzato per il Timballo di Murazzano e predilige vini delle Langhe, come il Dolcetto e la Barbera d’Alba.

VALORI NUTRIZIONALI PER 100 GR

  • Grassi
    56% g
  • Proteine
    38% g

NOTE

E’ un formaggio prevalentemente a latte ovino. Il latte di vacca in caldaia non può superare il 40% del totale. La Pecora delle Langhe, dalla quale si munge il latte utilizzato, non è più una razza in estinzione, grazie alla produzione crescente di questo formaggio. Con il nome di Tuma di pecora delle Langhe è un Presidio Slow Food. E’ stato scelto un nume diverso per “recuperare la versione storica, ottenuta esclusivamente con il latte crudo della pecora delle Langhe, con un’aggiunta di una percentuale massima del 5% di latte di capra”.

Fonte: Formaggio.it

Murazzano D.O.P. – per la foto si ringrazia

Tajarin al ragù della nonna

Più che una ricetta, questo è un primo piatto da contemplazione, un capolavoro davanti a cui fermarsi un attimo, assaggiare con emozione e consumare con gustosa soddisfazione.

Credo che davvero poche persone riescano a resistere davanti ad un piatto di tajarin al sugo della nonna, troppo invitanti, troppo saporiti, troppo colorati per poter dire di no.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 6 persone):

  • tajarin (su come prepararli, cliccate qui)
  • ragù della nonna (su come cucinarlo, cliccate qui)

Una volta preparata la pasta, cuocetela in abbondante acqua salata. I tempi di cottura saranno molto brevi, un paio di minuti, non di più, giusto il tempo necessario alla pasta di salire in superficie.

Trascorso il tempo, scolate i tajarin in un saltapasta dove precedentemente avrete scaldato la quantità di ragù necessaria.

Lasciate insaporire il tutto per non più di un minuto, ovvero quanto serve per fare in modo che la pasta ed il condimento si fondano in maniera perfetta (mescolate con cura e delicatezza).

A questo punto non vi resta che impiattare, spolverizzare con un poco di formaggio grattugiato e servire in tavola ai vostri ospiti.

Piemonte in tavola.

Tajarin al ragù della nonna

 

Dice il saggio….

«È curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto, hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore»

Giacomo Leopardi

Tajarin

Poche ricette sono più piemontesi dei tajarin, una preparazione antica, una tradizione che per secoli si è gelosamente custodita di madre in figlia. Odore di farina, tante uova, mani in pasta, mattarello e sfoglia sottile. Tanta manualità e destrezza conducono ad una pasta che ha poche eguali.

Si narra che Vittorio Emanuele II ne fosse particolarmente ghiotto e che la ” Bela Rusin”, sua prediletta amante, glieli preparasse in prima persona.

Come accennato in precedenza, i tajarin sono celeberrimi per le tante uova impiegate nella preparazione, dose che può addirittura arrivare a 40 tuorli per kg di farina!

La ricetta che vi proponiamo noi è più light ma altrettanto gustosa e sorprendente, otterrete un risultato davvero strepitoso.

Ora non vi resta che prendere nota e mettervi all’opera.

Ingredienti (dosi per 6 persone):

  • 250 gr. di farina di tipo “2”
  • 120 gr. di semola di grano duro macinata
  • 2 uova medie intere
  • 5 tuorli di uova medie

Procuratevi una spianatoia (possibilmente in legno) oppure apprestatevi ad un piano di lavoro bello ampio dove andrete a setacciare la farina di tipo “2” fino componendo la classica fontanella. Sulla sommità create un piccolo “cratere” dove metterete le 2 uova intere e gli ulteriori 5 tuorli.

Iniziate quindi ad impastare, dapprima delicatamente aiutandovi con i rebbi di una forchetta per poi passare in rapida successione alla pressione manuale per almeno una decina di minuti o comunque fin quando non otterrete un impasto liscio e morbido.

Ottenuto il composto, avvolgetelo con della pellicola trasparente (oppure in un canovaccio) e lasciatelo riposare per una mezz’oretta.

Nel frattempo, se siete delle sfogline esperte, prendete il mattarello e tirate la pasta fino a renderla sottilissima, se invece siete meno pratiche della questione, procuratevi la famosa “nonna papera”, ovvero quella macchina con i due rulli costruita apposta per tirare la pasta.

Una volta trascorsa la mezz’ora, dividete l’impasto in quattro parti pressochè uguali, dunque, dopo una prima stesura con il mattarello, andate ad inserire la pasta nella macchina e passatela più volte partendo livello più spesso fino al penultimo più sottile.

Non dimenticate mai di infarinare abbondantemente la sfoglia tra un passaggio e l’altro.

Ottenuta la foglia dello spessore finale, lasciatela riposare per ulteriori 15 minuti quindi provvedete a trafilarla nell’apposita sezione della “nonna papera” raccogliendone i tajarin in nidi che andrete a disporre su un vassoio precedentemente infarinato con abbondante semola di grano duro.

Ripetere l’operazione fino ad esaurimento della pasta.

La vostra opera d’arte è pronta per essere cucinata.

Consiglio:

  • i tajarin possono essere anche congelati nel freezer e conservati per un breve periodo.
  • i tajarin non necessitano di una lunga cottura, basteranno un paio di minuti in acqua bollente e saranno pronti per essere scolati e conditi come meglio crederete.

Tajarin

Tajarin

 

 

Cardo Avorio di Isola d’Asti – P.A.T.

Il Cardo Avorio di Isola d’Asti ha un’altezza di circa 100-120 cm, sensibilmente superiore a quella delle cultivar comunemente diffuse e ne costituisce un carattere distintivo. Le foglie sono tendenzialmente frastagliate e di colore verde grigiastro.
Le coste sono giallognole o verde giallognole, qualora non avvenga l’imbianchimento ossia la rincalzatura sino ai due terzi della pianta o la copertura con paglia o carta.

TERRITORIO DI PRODUZIONE

La zona di produzione del cardo avorio coincide col comune di Isola d’Asti e la frazione Motta di Costigliole, in provincia di Asti.

METODOLOGIA DI PREPARAZIONE

La semina si effettua in primavera in pieno campo in modo scalare per ottenere il prodotto pronto alla vendita per un lungo periodo.
Nella prima decade di ottobre, si effettua la raccolta con l’estirpazione manuale della pianta e l’eliminazione della parte terminale dei lembi fogliari. Si ottengono, così, dei fasci di coste lunghe 50 cm circa, dalla consistenza erbacea.
Il seme viene prodotto dagli agricoltori che provvedono alla coltivazione.

…UN PO’ DI STORIA

Il cardo è stato coltivato dall’inizio del secolo XX come testimonia la documentazione relativa ad un “Concorso a premi per la razionale coltivazione degli orti nel circondario di Asti” del 1914. Nel documento si evidenzia la produzione di cardi da parte di numerosi agricoltori della zona.

Fonte: www.piemonteagri.it

Cardo Avorio di Isola d’Asti P.A.T. – Per la foto si ringrazia

 

 

 

Search
Categories